Singapore. Perché è la nazione più ricca dell’Asia? | VisualPolitik EN

Nel 1963, quando divenne indipendente dall’Impero britannico, e dopo che la sua economia fu devastata dall’occupazione giapponese durante la seconda guerra mondiale, Singapore non era nient’altro che un agglomerato di baracche. Un luogo in cui ogni bagno e cucina erano condivisi da diverse famiglie. Le cose a livello economico e sociale erano difficili, e non erano nemmeno molto diversi a livello politico.

La verità è che le origini di Singapore non erano affatto promettenti: in un primo momento Singapore si unì alla Malesia, ma la storia d’amore non durò a lungo. Appena due anni dopo, nel 1965, e dopo numerosi scontri politici ed etnici con il governo aristocratico ed estrattivo della Malesia, Singapore fu espulsa dalla Federazione malese, e fu di fatto costretta a dichiararsi indipendente.

Gente, la sfida che questo piccolo territorio ha affrontato era enorme: Singapore era povera, aveva meno di due milioni di abitanti e mancava di risorse naturali. Non era nemmeno autosufficiente in termini di cibo e acqua! Ma solo un secondo, perché la storia che tutti conosciamo è un po ‘diversa, non credete?

Oggi, a soli cinque decenni di distanza, Singapore è un paese indipendente, e questa città-stato è una delle capitali del mondo e uno dei territori più ricchi del pianeta. Gente, sedetevi: dal 1960, a Singapore l’economia è cresciuta di oltre il 7,5% all’anno. Stiamo parlando di un enorme tasso di crescita, che ha permesso a Singapore di sperimentare il processo di sviluppo più veloce nella storia dell’umanità. Oggi il reddito pro capite di questa città è molto più alto di quello degli Stati Uniti, è più del doppio di quello dei paesi a reddito medio come la Spagna, e quasi quattro volte quello del Cile, che è considerato il paese più ricco dell’America Latina. Non ditemi che non è sorprendente.

Ora, la domanda che tutti possiamo porci è: come ha fatto questa piccola città-stato a raggiungere una così grande quantità di crescita economica? Bene, vediamo.

Gente, l’intera storia ha un chiaro protagonista: Lee Kuan Yew, il primo ministro autocratico che governò Singapore tra il 1959 e il 1990. Ora, poche persone avrebbero scommesso che questo paese avrebbe avuto un futuro brillante. E, gente, i primi anni di Lee Kuan Yew alla guida di Singapore non promettevano nulla di buono. Come segretario generale del Partito popolare d’azione, un partito appartenente al partito socialista internazionale, questo Primo Ministro ha inizialmente flirtato con le cosiddette politiche di industrializzazione delle sostituzioni delle importazioni. Un approccio politico che si impegna ciecamente verso il protezionismo come mezzo per raggiungere lo sviluppo. Qualcosa che è stato particolarmente popolare in tutto il 20 ° secolo in America Latina. Bene, in realtà, lo è ancora.

Davvero, nei suoi primi anni di governo, Lee Kuan Yew era più vicino ai politici argentini che a chiunque sostenesse il libero mercato e la globalizzazione. Tuttavia, a differenza di quanto accaduto in America Latina, a Singapore si sono presto resi conto che questo tipo di politica non era affatto il modo migliore per sfuggire alla povertà. Ecco perché, a partire dal 1965, è stato lanciato un approccio molto diverso: un impegno politico ed economico che ha completamente trasformato Singapore: aprirsi al mercato globale.

Quando la maggior parte dei paesi del terzo mondo ha denunciato lo sfruttamento delle multinazionali occidentali, a Singapore li abbiamo invitati. È così che abbiamo raggiunto la crescita, le tecnologie e il know-how che hanno incrementato la nostra produttività più di quanto qualsiasi altra politica economica avrebbe potuto fare. “- Lee Kuan Yew

Ora, Singapore non è stata nulla di vicino a un prototipo di uno stato libertario ortodosso, in cui il governo non interferisce in alcuna attività economica. Al contrario, il governo di Singapore ha giocato e svolge ancora un ruolo molto importante. Ma  diciamo che lo hanno fatto in un modo molto diverso da quello a cui siamo abituati, ad esempio, nella vecchia Europa.

Le cose stanno cambiando rapidamente e dobbiamo adeguarci e tenere il passo; a causa della tecnologia, della globalizzazione, abbiamo dovuto anticipare ciò che sta accadendo, dobbiamo aiutare le aziende e i lavoratori ad adattarsi. “- Lee Hsien Loong

A Singapore, il governo non ha cercato di prendere in mano le sezioni più ampie dell’economia; né hanno cercato di regolare tutto fino al più piccolo dettaglio; né, naturalmente, hanno cercato di espandere la spesa pubblica e le tasse. Piuttosto il contrario. Nel caso di Singapore, possiamo sostanzialmente considerarlo come una società di stato o, meglio ancora, una società di città.

Cioè, Lee Kuan Yew capì che Singapore aveva bisogno di attrarre capitali e professionisti, in modo che il paese potesse crescere e svilupparsi; e all’interno di un ambiente competitivo imperfetto tra le economie e il pesante intervento che esiste nei paesi in cui viviamo, lo stato può svolgere un ruolo chiave. E può farlo con politiche che favoriscono sempre la competitività, gli investimenti e l’attrazione delle imprese, anziché la burocrazia o il benessere. Ecco perché le autorità di Singapore hanno sviluppato istituzioni per garantire la sicurezza legale e una gestione efficiente della città; hanno promosso i settori economici attraverso la collaborazione pubblico-privato, hanno elaborato un ambizioso programma di infrastrutture produttive e, soprattutto, hanno promosso il risparmio.

E non è tutto, tutte le politiche sono state progettate all’interno di un rigido quadro di stabilità del budget e sempre, sempre con la mentalità di integrarle con agenti privati, cosa che accade raramente in paesi come la Spagna, l’Italia o, ovviamente, l’Argentina.

Va bene, permettetemi di spiegare. Non si tratta tanto di espandere un porto o una strada, ma di essere in grado di integrare un attraente quadro istituzionale con servizi che costringere le aziende a stabilirsi in un paese e investire per aumentare la loro produttività. Diciamolo in un altro modo: in che modo le aziende competono sul mercato? Offrendo condizioni migliori rispetto alla concorrenza, giusto? Bene, Lee Kuan Yew ha capito che nel nostro mondo la competizione tra paesi non è molto diversa. Pertanto, forse il modo migliore per vedere e capire le chiavi del successo di Singapore è vedere questa città-stato non come un paese da utilizzare, ma come fornitore di servizi in un settore competitivo.

A Singapore, il governo ha capito che la comunità stessa, la città stessa, era una risorsa e che, ben gestita, poteva diventare un vantaggio competitivo. Ma per capirlo meglio, diamo un’occhiata ad alcuni esempi concreti delle politiche che Lee Kuan Yew ha messo sul tavolo.

Primo obiettivo: nonostante abbia una città con un’alta densità di popolazione, trasformala in un luogo non caotico, non rumoroso e incontaminato. Per fare questo, il governo ha imposto tasse sul traffico nel 1975, quindi oggi il traffico in città è soggetto a pedaggi che vengono addebitati elettronicamente a tutti gli utenti sulla strada, cioè a tutti i veicoli. In questo modo, sono riusciti a imputare i costi di manutenzione delle strade ai veri utenti della strada, sono riusciti a evitare gli ingorghi e hanno evitato una grossa causa di inquinamento. Il risultato di questo approccio è stato che oggi Singapore, pur avendo una densità di popolazione molto elevata ed essendo uno dei motori economici del mondo, ha un traffico molto fluido e, inoltre, impone costi di manutenzione basati sull’uso della strada da parte di ciascun conducente.

Cioè, se il beneficio che ottieni non è maggiore del tuo pedaggio, che è il costo di manutenzione della strada stessa, allora lasci l’auto a casa. E se il tuo vantaggio è maggiore, allora hai strade attraverso le quali puoi muoverti velocemente. Intelligente, non è vero? Naturalmente, per rendere possibile tutto ciò, Singapore ha sviluppato un sistema di trasporto pubblico fantastico, molto efficiente e conveniente.

Un’altra misura molto più controversa a causa del suo paternalismo, sta costringendo tutti i lavoratori a investire un quarto del loro stipendio in un rigido piano di risparmio nazionale che è anche gestito da un’organizzazione statale. Con questo programma, il governo dell’isola ottiene lavoratori per accumulare risparmi con i quali possono pagare i servizi sanitari, i servizi educativi e la pensione. E mentre ciò accade, lo stato ottiene il capitale di cui ha bisogno per investire in progetti, dentro e fuori dal paese, che sono considerati essenziali per la competitività della città. In un certo modo, i lavoratori non diventano solo utenti, ma anche investitori in questa società-città. Naturalmente questi tipi di “interventi”, in cui lo stato mantiene una chiara leadership, sono integrati da una politica che favorisce la libera impresa e una delle regole più libere del mondo in termini di circolazione di capitale, beni e lavoratori.

Gente, a Singapore, le tasse sono basse – per esempio, qualcuno con un reddito di 60 mila dollari paga l’imposta sul reddito del 5 percento; i dazi sono praticamente inesistenti, non c’è salario minimo; la spesa pubblica rappresenta circa il 18% del PIL e, se tutto ciò non bastasse, l’economia di Singapore è considerata la seconda più libera al mondo!

Vedi, nel mondo in cui viviamo oggi, essere periferici o essere centrali non dipende sulla posizione fisica del tuo paese, dipende dal fatto che tu abbia o meno uno spazio e un’economia della conoscenza. Dipende dalla tecnologia, è l’unica cosa che può spiegare perché paesi come Singapore hanno un’istruzione molto migliore di noi. “- Albert Rivera, deputato spagnolo

Il risultato di tutto ciò è che un paese che fino a pochi decenni fa era molto povero, è oggi uno dei paesi più ricchi del mondo. E non pensare che sia solo una questione di numeri economici. Singapore ha anche alcune delle migliori università, con studenti in prima linea in materie come la scienza e la matematica, il loro sistema sanitario è considerato eccellente, non c’è disoccupazione, non c’è crimine e le loro aspettative per il futuro sono straordinarie.

Ad esempio, nell’indice di sviluppo umano prodotto dalle Nazioni Unite, Singapore occupa il decimo posto, al di sopra di paesi come Svezia, Islanda, Francia e Finlandia. Il lato negativo – e ce n’è uno – è concentrato nel suo sistema politico, che, sebbene si stia evolvendo, è ancora molto restrittivo delle libertà civili. A Singapore, le pene detentive sono molto alte, la censura è una parte normale della vita, e comportamenti diversi di solito non sono ben visti.

Altri post che potrebbero interessarti