Obbligazioni e fondi obbligazionari durante la volatilità dovuta al coronavirus | Vanguard

La disciplina e l’esperienza guidano le diverse strategie, anche in un mercato che non si direbbe che potrebbe essere turbolento, come le obbligazioni.

Tim Buckley: John, il tuo team a reddito fisso gestisce quasi 2.000 miliardi di dollari del patrimonio dei nostri clienti. Ora, lo avete gestito attraverso una varietà di strategie diverse e di veicoli diversi. Avete fondi attivi e fondi passivi. Siete attivi nei mercati monetari, in quelli ad alto rendimento e nei mercati emergenti. Avete creato un team di esperti qui negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Come usate questa competenza per affrontare questi mercati?

John Hollyer: Beh, Tim, hai fatto centro. Al centro c’è un gruppo di professionisti rodati e di grande esperienza. I nostri portfolio manager e i nostri ricercatori di credito hanno in media 15 o 20 anni di esperienza. Hanno un sacco di capelli grigi ben guadagnati, avendo vissuto una serie di crisi in passato.

Tim: Sia io che te potremmo parlare con loro, vero?

John: Sì. Ma questo tipo di esperienza è inestimabile quando si vive un momento come quello che abbiamo vissuto noi di recente. L’altra cosa che abbiamo è un approccio molto, molto disciplinato alla gestione del rischio, che ci tiene in riga in tutti i diversi tipi di mercati. E infine, il nostro approccio collaborativo di squadra enfatizza il fatto di avere una varietà di strategie – letteralmente, non avere tutte le nostre uova nello stesso paniere. E questo è il tipo di approccio che ci aiuta a fare meglio in tempi difficili. Se guardiamo al nostro team di credito, l’anno scorso, in particolare nel terzo e quarto trimestre, l’economia era abbastanza forte. I mercati erano sempre più ottimisti. E i prezzi delle obbligazioni societarie, obbligazioni con rischio di credito, hanno continuato ad aumentare sempre di più, il che è incoraggiante mentre le possiedi, ma riduce il rendimento atteso in futuro. Riduce il cuscino aggiunto che potrebbero avere se le cose non vanno bene. E il team ha guardato a quelle condizioni, ha guardato al fatto che eravamo sempre più avanti nel ciclo economico, e ha scelto di ridurre l’esposizione al rischio di credito. Questo ha ridotto il reddito dei fondi oggi, ma ha creato lo spazio per investire di più se le valutazioni diventassero più interessanti.

Tim: Ora, John, torniamo indietro. Se torno all’inizio dell’anno – con il senno di poi, sembra che sia stata una decisione facile da prendere per togliere il rischio dal tavolo, e per preservare la “polvere secca” – la capacità di investire mentre i mercati entrano in un po’ di turbolenza è una gran cosa. Ma, a dire il vero, all’inizio del 2019, nessuno sapeva cosa sarebbe successo. Quindi era scomodo per il vostro team assumere una posizione conservatrice quando il resto del mondo era molto ottimista sulle prospettive globali.

John: Hai assolutamente ragione, Tim. Non ci si sente bene a rischiare quando si continua, mese dopo mese, a lavorare piuttosto bene. Ma è qui che entrano in gioco le opinioni differenziate del team. Guardavano avanti all’economia. Stavano usando l’esperienza che hanno acquisito nel tempo, rinunciando essenzialmente ad un certo ritorno.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi