Procrastinare. 11 modi per smettere di farlo | Big Think

 

La maggior parte di noi si sente colpevole o pigra quando rinvia le cose a una data o un’ora successiva, ma procrastinare è normale e capita a tutti. La chiave non è eliminare la parola dal proprio vocabolario, ma trovare il modo di lavorare e riposare in modo più intelligente in modo che i compiti vengano svolti.

In questo video, l’investitore Tim Ferriss, l’economista comportamentale Dan Ariely, l’esperto di salute e benessere Jillian Michaels e altri condividono 11 consigli per padroneggiare la procrastinazione, tra cui concentrarsi sulla felicità a lungo termine, capire le differenze tra ispirazione e motivazione, provare la tecnica del Pomodoro e rimuovere le cose che ti distraggono dal progetto in questione.

Un suggerimento interessante condiviso dal giornalista vincitore del Premio Pulitzer Charles Duhigg è quello di costruire il procrastinare nel flusso di lavoro come ricompensa. “Se avete bisogno di cinque minuti ogni ora per guardare i tweet o semplicemente per navigare in internet, dovete programmarlo nel vostro programma”. Secondo Duhigg, è quando cerchiamo di ignorare completamente questo impulso che le cose vanno a rotoli.

***************

TIM FERRIS: Va bene. Procrastinazione. Parliamone. È un argomento importante. E comunque lo affrontiamo tutti. È un numero sempre presente, sempreverde per un motivo e anche le persone che si vedono sulle copertine delle riviste, la maggior parte di loro – ci sono alcuni mutanti, ma tutti hanno cose che rimandano e ci sono alcune tattiche diverse, approcci che ho trovato molto utili che ho preso in prestito sia che si tratti di ospiti del Tim Ferriss Show o di persone che ho intervistato per “Tools of Titans”, il mio ultimo libro. Eccoci qui, quindi in fondo alla lista.

DAN ARIELY: Quindi il primo errore, secondo me, è che noi perseguiamo la felicità momentanea piuttosto che quella a lungo termine. Facciamo le cose che oggi ci fanno ridere a voce alta, non sempre a voce alta, ma più o meno così. E non facciamo le cose che sono difficili e complesse e impegnative, ma ci danno un senso di felicità molto diverso. Pensate a qualcosa come correre una maratona. Non vedi nessuno felice.

Se venissi come un alieno e immaginassi il cervello della gente e guardassi le loro espressioni facciali mentre corrono una maratona, diresti che qualcuno li sta punendo. Stanno pagando per qualcosa di terribile che hanno fatto ed è così che pagano il loro debito con la società. È un po’ miserabile, ma è anche significativo e crea un senso di realizzazione e così via. Quindi stiamo perseguendo il piacere momentaneo piuttosto che capire veramente la profondità di ciò che è la felicità o il significato.

FERRISS: Produttori di musica prolifici come Rick Rubin che è leggendario e tutto si riduce a piccoli compiti a casa. Quindi Rick, se per esempio ha un artista bloccato, dirà: “Puoi procurarmi una parola o una battuta che ti possa piacere per questa canzone su cui stai lavorando entro domani? È possibile? Mini, mini compiti a casa. Quindi, con un progetto creativo all’inizio, questo è uno. È legato a un consiglio che mi è stato dato da Neil Strauss e che abbassa i vostri standard. Quindi non crede nel blocco dello scrittore. Dice che i tuoi standard sono troppo alti. Ti stai creando l’ansia da prestazione.

Quindi il consiglio che ho avuto da un altro scrittore, che corrisponde a questo, sono due pagine di merda al giorno. Quindi molte persone sono come se volessi ucciderle. Ho bisogno di un obiettivo ambizioso. Lasciatemi fare 1.500 parole, 2.000 parole al giorno per questo libro a cui sto lavorando. Beh, c’è una probabilità molto alta che tu non ci riesca e che poi ti demoralizzi. Poi ti farai intimidire dal compito e poi comincerai a procrastinare.

Quindi passate l’ostacolo. Rendete la soglia di successo molto, molto bassa. Questo è quello che ho fatto per i miei ultimi tre libri, due pagine di merda al giorno. È tutto ciò di cui ho bisogno. Se non finisco per usarle va bene. Ho solo bisogno di tirar fuori due pagine di merda. Se hai intenzione di fare esercizio e stai facendo un proposito per l’anno nuovo, non fare un’ora al giorno, quattro volte a settimana. No, no, no, no, no, no. Da cinque a dieci minuti in palestra tre volte a settimana, un sacco.

E in tutti questi casi avrai successo perché hai spuntato la casella “successo”. E poi molto spesso lo supererai per avere crediti extra. Starai bene, sono già in palestra. Ci andrò per dieci minuti in più. Bene, mi sto già passando il filo interdentale. Ne faremo quattro in più. Beh, ho già raggiunto le mie due pagine ma mi sento benissimo e sono in piena forma. Forse ne farò dieci. Forse ne farò venti. Ma ti impedisce di sentirti un fallito. Questo è molto, molto importante. Questo è ciò che fa deragliare molte persone.

JILLIAN MICHAELS: Prima di tutto dobbiamo apprezzare che c’è una grande differenza tra l’ispirazione e la motivazione. E l’ispirazione è grande. L’ispirazione è una fonte di, un catalizzatore se si vuole del cambiamento che viene da fuori. Quindi potrebbe essere un episodio di Big Think che avete visto. Potrebbe essere una canzone che hai sentito, un libro che hai letto, un libro di memorie che hai visto in chissà quale episodio televisivo. E tu dici di sapere cosa? Sono ispirato. Se loro possono farlo, posso farlo anch’io e questo ti dà la piccola spinta. L’auto si mette in moto e poi in un mese, forse due, all’improvviso ti senti un po’ spento e la batteria si scarica di nuovo. E questo perché c’è bisogno di una motivazione per rimanere in movimento. E la motivazione è il motivo per cui viene da dentro di te.

FERRISS: Quindi si potrebbe usare la tecnica, per esempio, come la Tecnica del Pomodoro e la gente l’ha interpretata in modi diversi, ma in realtà si tratta di sprint da 20 a 25, diciamo. C’è chi fa 23 minuti in cui si sta bene, so che non ci riuscirò, ma farò uno sprint di 20 minuti, 25 minuti e poi mi prenderò una pausa di cinque minuti. Una volta che hai questi vincoli positivi che, tra l’altro, per una persona creativa è molto importante avere vincoli positivi. Poter fare tutto quello che si vuole in ogni momento è una ricetta per il disastro e per la paralisi e la procrastinazione.

BARBARA OAKLEY: Quindi io tengo un corso, Learning How To Learn, che in realtà è il più grande corso online aperto di massa del mondo. Abbiamo qualcosa come due milioni di persone. E la Tecnica del Pomodoro è la tecnica più diffusa. Lo sento dire da migliaia di persone ed è così semplice. Tutto quello che devi fare è spegnere tutte le distrazioni in modo che non ci siano piccoli tintinnii sul tuo cellulare o cose del genere. Sul vostro computer volete spegnere qualsiasi tipo di messaggio che potrebbe sorgere, impostare un timer per 25 minuti e poi concentrarvi il più intensamente possibile per quei 25 minuti. E questa è una cosa fondamentale; quando hai finito ti ricompensi, e ti ricompensi rilassandoti un po’ e facendo qualcosa di completamente diverso.

CHARLES DUHIGG: Non si può trovare una qualche ricompensa per il lavoro che prenda il posto della procrastinazione. Se la ricompensa della procrastinazione è quella di poter passare cinque minuti distratti da Facebook e vedere questi aggiornamenti dei tuoi amici. Dovete permettervi di farlo. Questo deve far parte della vostra giornata di lavoro. Se hai bisogno di cinque minuti ogni ora per guardare i tweet o semplicemente per navigare in internet, devi pianificare tutto questo nel tuo programma. Concedetevi di farlo, perché quando la gente inizia a procrastinare quello che ha fatto, cerca di ignorare questo impulso. Hanno cercato di negarsi il tempo su Facebook o di navigare in internet.

E poi all’improvviso scoppia e loro vanno e dicono: “Vado a controllare per cinque minuti e 45 minuti dopo hanno perso tutto questo tempo”. È perché non hanno soddisfatto questo bisogno. Una volta che un’abitudine esiste, non la si può semplicemente placare. Non si può far finta che non ci sia. Devi in un certo senso accogliere questo bisogno nella tua vita. E quindi la risposta è concedersi cinque minuti ogni ora. Infatti puoi mettere la sveglia. Alla fine di ogni ora concedetevi cinque minuti per navigare in rete. Perché se ti concedi cinque minuti ogni ora non esploderà in 45 minuti perché hai cercato di sopprimerlo.

ARIELY: La letteratura ha un termine per questo. Si chiama procrastinazione strutturata, in cui in pratica si fanno tante piccole cose che danno la sensazione di fare dei progressi senza fare alcun progresso. È molto facile farci fare un sacco di piccole cose che ci danno una leggera gioia momentanea. Oh, ho cancellato un’altra e-mail. Oh, ho risposto a quella e-mail e così via. Senza pensare a lungo termine.

MICHAELS: Dovrebbe sempre esserci uno sguardo verso il futuro. Siamo sempre in crescita, in evoluzione e in progresso. Non c’è un traguardo nella vita in ultima analisi e penso che sia difficile da accettare per alcuni, perché pensiamo che vada bene, ho tagliato il traguardo, e ora che c’è? Non sei morto. C’è altro lavoro da fare. Guardate un po’.

ARIELY: A lungo termine pensare che sia davvero ciò che causa la vera gioia. E non è facile, giusto. Non è facile. Ricevo circa 300 e-mail al giorno. Mi sveglio, apro il mio portatile. È sempre un momento di leggera depressione. Oh, santo cielo. Devo affrontare tutto questo. E potrei passare tutto il giorno a scrivere e-mail. E l’e-mail è un’analogia. C’è un’analogia per tutte le cose che devi fare, ma non ti danno un vero senso di realizzazione. E la vera sfida, e non è facile, è ritagliarsi il tempo per fare le cose che si dicono alla fine di tre mesi, sei mesi, un anno e così via, mi darà la sensazione che sto effettivamente contribuendo a fare qualcosa di utile.

Quindi personalmente lo faccio con la scrittura. È molto facile passare un’intera giornata a rispondere alle e-mail. Cerco di proteggere un po’ di tempo e dico che ho intenzione di scrivere. Ho intenzione di fermarmi. Ho intenzione di pensare. Mi ci vorrà un po’ di tempo. A volte scrivo qualcosa che ho detto per tutto il tempo che è stato inutile. Non ho progredito abbastanza, ma di tanto in tanto c’è un progresso e col tempo si crea un bagaglio di conoscenze che si dice sia in realtà una cosa molto utile.

FERRISS: Il prossimo modo in cui si può applicare un vincolo positivo è quello di costruire incentivi e conseguenze. Tutto questo significa rendersi socialmente responsabili. Avere qualcun altro che tenga i piedi sul fuoco e che ti tenga responsabile di qualsiasi obiettivo tu ti sia prefissato. Potrebbe essere un controllo telefonico. Potrebbe essere una scommessa, quindi una componente finanziaria molto efficace. E penso che in parte non per i soldi che vincerai, ma per i soldi che perderai. La gente lavora molto più duramente per contrastare l’avversione alla perdita, a quanto pare.

ARIELY: La bellezza della natura umana è che molte cose ci motivano e ci danno un senso di realizzazione. Il nostro titolo, il nostro legame con il lavoro. Il nostro legame con le persone al lavoro. La competizione con le altre persone. Tutte queste cose ci motivano. Quando scriviamo un’equazione di motivazione, scriveremmo che la motivazione è uguale a sì, il denaro è importante, ma lo sono anche i risultati, il senso del progresso, la competizione, daa, daa, daa, daa, daa. E la domanda è come le usiamo tutte. Come li usiamo tutti per creare motivazione.

DUHIGG: Perché alcune persone sono molto più brave a mantenere la concentrazione, a non reagire e a non farsi distrarre da tutte queste cose? È perché hanno immaginato in anticipo quello che si aspettano di vedere. Hanno immaginato quello che si aspettano di vedere. Così, in metropolitana, quando vanno al lavoro, pensano a come sarà questa giornata. So che andrò a questo incontro. Cosa mi aspetto che succeda in quella riunione. E così, quando entrano e sono il capo e gli fanno qualche domanda inaspettata, il loro cervello dice quasi inconsciamente che non mi aspettavo quella domanda.

Questo non corrisponde all’immagine nel mio cervello di ciò che mi aspettavo, quindi devo rimandare la domanda. Devo dire se possiamo toglierla offline e risponderò più tardi. Oppure hanno un’immagine nel loro cervello di come sarà trattare con i bambini e preparare la cena. C’è un certo tipo di aspettativa e di conseguenza, quando le loro tasche ronzano e arriva un’e-mail, possono dire che non sono in grado di gestire la situazione in questo momento. Devo concedermi cinque minuti e me ne occuperò più tardi.

MICHAELS: Rimuovere gli impatti negativi nel vostro ambiente; e questa è una delle cose che è così bella delle cose reali è che, se le cambiate, rimangono cambiate. Non c’è modo di reagire. Ma fate una profonda auto-riflessione e prendete in considerazione l’idea di entrare in qualche consiglio per guardare quelle cose e trovare gli strumenti per cambiarle.

FERRISS: Queste sono alcune cose che potresti usare e te ne darò una di quelle stravaganti che sono di Mike Birbiglia, uno dei comici di maggior successo del pianeta. Quando procrastinava il lavoro sulla sua sceneggiatura, la sua ultima sceneggiatura, si accorgeva che quando doveva rendere conto a qualcun altro, aveva una riunione, non era mai in ritardo. Era sempre in anticipo. Ma quando aveva un impegno con se stesso a scrivere, poteva rimandare per ore. Così ha preso un post it e l’ha messo accanto al suo letto – e questo suona ridicolo, ma c’era scritto Mike – e credo che fossero tre punti esclamativi. Ha un incontro con se stesso alle 7:00 del mattino al Café, qualunque fosse il suo posto di lavoro.

E che in realtà per qualsiasi strana stranezza della psicologia umana lo ha fatto rimanere in pista per l’incontro con se stesso per scrivere la sua sceneggiatura. Ecco un altro trucco mentale Jedi che si può provare su se stessi. Ci sono molti strumenti nel toolkit, ma mantenetelo piccolo, mantenetelo definito, truccatelo in modo da poter vincere e, in caso di dubbio, trovate un modo per creare una perdita o una vergogna se non affrontate effettivamente il vostro compito e raggiungete un qualche tipo di obiettivo misurabile per un determinato punto nel tempo.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi