Cina. Perché una nazione comunista ha così tanti miliardari? | Bloomberg

Secondo una stima, la Cina crea un nuovo miliardario ogni due giorni, superando di gran lunga il tasso di paesi come gli Stati Uniti. Ma come ha fatto la Cina a rimanere uno stato comunista in modo formale diventando un focolaio per miliardari in divenire? Bloomberg QuickTake spiega come i compromessi capitalisti e le mosse iniziate decenni fa hanno reso la Cina il paese non comunista di oggi. È ufficiale ora che Jack Ma, presidente del colosso cinese di e-commerce Alibaba Group Holdings Ltd., è un membro del Partito Comunista. È anche il più ricco di un gruppo crescente di individui di alto valore netto in Cina, che tra loro controllano $ 6.5 trilioni. La storia di come il Partito Comunista Cinese, da tempo antagonista dell’ideologia capitalista, creò uno dei più grandi terreni fertili della storia per la ricchezza personale inizia quarant’anni fa, quando l’allora patriarca Deng Xiaoping introdusse riforme che avrebbero trasformato radicalmente il paese nella seconda economia mondiale.

Quanti miliardari ha la Cina?

L’indice Bloomberg Billionaires replica la ricchezza dei 500 individui più ricchi a livello globale, 38 dei quali sono cinesi. Più in generale, la società di ricerca sulla ricchezza globale Wealth-X ha rilevato che dei 2754 miliardari del mondo, 680 (25%) erano negli Stati Uniti e 338 (12%) erano in Cina. UBS Group AG stima che un nuovo miliardario venga coniato in Cina ogni due giorni.

Perché il partito comunista cinese ha permesso alle persone di arricchirsi?

È un male necessario. Il partito identifica tra i suoi compiti principali il progresso dell’interesse fondamentale della maggior parte della popolazione cinese. Deng, che notoriamente ha detto che la povertà non è socialismo, ha interpretato questo per indicare che andava bene se alcune persone avessero bisogno di arricchirsi per migliorare i mezzi di sostentamento delle masse. Dall’introduzione delle sue riforme, oltre 700 milioni di persone sono state tolte dalla povertà in Cina.

Significa che al partito non importa se la Cina è comunista?

La costituzione del partito dice che il suo “massimo ideale e l’obiettivo finale è la realizzazione del comunismo”. Ma non offre un orizzonte temporale per raggiungerlo, così i leader di partito hanno molto spazio di manovra all’interno di questo obiettivo più ampio. Ciò lascia spazio a visioni divergenti per coesistere: Mao Zedong è ancora venerato nonostante le mosse dirompenti che hanno portato alla carestia e allo spargimento di sangue, così come lo è Deng per aver abbracciato le forze del mercato e gli investimenti stranieri. Tuttavia, è importante che i leader rispettino l’ideologia fondatrice: il presidente Xi Jinping quest’anno ha pubblicamente celebrato il 200 ° anniversario della nascita di Karl Marx, inclusa la consegna di una statua alla sua città natale.

Come sarebbe il comunismo in Cina?

Ufficialmente, la Cina considera il comunismo un’utopia moderna: tutti dovrebbero possedere collettivamente i mezzi di produzione, tutti i cittadini lavorerebbero per il bene comune, tutti sarebbero uguali e la ricchezza sarebbe distribuita in base alle necessità. Che sia realistico o meno, il partito ha delineato le fasi di sviluppo necessarie per arrivarci. Prima del comunismo, la Cina deve prima realizzare il socialismo, che Xi si è proposto di fare entro il 2035.

Come sarebbe il socialismo?

In un discorso dello scorso anno, Xi ha affermato che la modernizzazione socialista significherebbe che la Cina è un leader globale nell’innovazione, che lo stato di diritto sarebbe in atto e che la cultura cinese avrebbe maggiore appeal in tutto il mondo. Le persone vivrebbero una vita confortevole, tutti avrebbero accesso ai servizi pubblici di base e le disparità di reddito – in particolare tra aree urbane e rurali – sarebbero notevolmente ridotte. Anche l’ambiente sarebbe fondamentalmente migliorato.

Quindi il partito supporta la ricchezza personale?

È complicato. Il partito sostiene le imprese private e lo spirito imprenditoriale come motore della crescita economica e della creazione di posti di lavoro. È molto più ambivalente sulla ricchezza personale a causa del crescente divario di reddito tra ricchi e poveri, che non è molto comunista. Xi ha detto che la Cina deve ridurre questa disuguaglianza. Un modo che si sta traducendo in politica è la tassazione, in cui i funzionari hanno ridotto le tasse sui redditi più bassi mentre spinge in avanti con prelievi su beni come le proprietà, che aumenteranno l’onere per i più ricchi.

Quali rischi affrontano i miliardari in Cina?

Il governo di Xi ha intensificato il controllo su come i ricchi hanno guadagnato i loro soldi, e anche i magnati apparentemente ben collegati sono caduti. Casi di alto profilo includono indagini su Wu Xiaohui, fondatore di Anbang Insurance Group Co., e il finanziatore Xiao Jianhua, alla cui Tomorrow Holding Co. è stato ordinato di disinvestire da molte delle sue attività finanziarie. Alcuni scompaiono: Landing International Development Ltd. ha visto precipitare il suo valore dopo che il suo ex presidente miliardario Yang Zhihui è misteriosamente scomparso, e ha recuperato parte di ciò quando è riemerso dopo tre mesi. Altri come Guo Wengui sono fuggiti all’estero: questo mese ha collaborato con l’ex stratega capo del presidente Donald Trump, Steve Bannon, per raccogliere 100 milioni di dollari a sostegno delle indagini sulle morti e le sparizioni di dirigenti, politici e personaggi pubblici cinesi.

I ricchi della Cina hanno voce in capitolo?

Sì. Molti degli uomini e delle donne più ricchi della Cina sono membri del parlamento nazionale o del suo organo consultivo. Ciò dà loro l’opportunità di influenzare la direzione della politica presentando proposte legislative o facendo pressioni sui funzionari governativi. Alcuni di coloro che hanno beneficiato delle politiche di Xi, come Ma Huateng di Tencent Holdings Ltd., sono stati delegati quest’anno al Congresso nazionale del popolo cinese.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi