Chi è responsabile del cambiamento climatico? Chi deve risolverlo? | Kurzgesagt

Chi è responsabile del cambiamento climatico? Chi deve risolverlo? Questo video fa parte di una serie sui cambiamenti climatici sostenuta da Breakthrough Energy – una coalizione fondata da Bill Gates, che sta lavorando per espandere gli investimenti in energia pulita e sostenere le innovazioni che porteranno il mondo a emissioni di carbonio a zero.

************

Dalla Rivoluzione Industriale, gli esseri umani hanno rilasciato oltre 1,5 trilioni di tonnellate di anidride carbonica, o CO₂, nell’atmosfera terrestre. Nell’anno 2019, stavamo ancora pompando fuori circa 37 miliardi in più. È il 50 per cento in più rispetto al 2000 e quasi tre volte di più rispetto a 50 anni fa. E non è solo CO₂, stiamo anche pompando fuori volumi crescenti di altri gas serra come il metano e il protossido di azoto. Combinando tutti i nostri gas serra, ogni anno emettiamo 51 miliardi di tonnellate di anidride carbonica equivalente. E le emissioni continuano ad aumentare. Ma devono scendere a zero.

Negli ultimi anni le conseguenze sono diventate più gravi e visibili. Quasi ogni anno batte qualche orribile record: abbiamo avuto più ondate di calore, il maggior numero di ghiacciai che si sciolgono, e la più bassa quantità di ghiaccio mai registrata al Polo Nord. Degli ultimi 22 anni, 20 sono stati i più caldi mai registrati. L’unico modo per limitare questo rapido cambiamento climatico è diminuire rapidamente le nostre emissioni collettive. Ma anche se tutti i paesi sono d’accordo su questo obiettivo in linea di principio, non sono d’accordo su chi è responsabile o su chi dovrebbe sopportare il carico più pesante.

I Paesi sviluppati sottolineano i loro sforzi per ridurre le emissioni e il fatto che i grandi Paesi in via di sviluppo in crescita, in particolare la Cina, stanno attualmente rilasciando molta più CO₂. D’altra parte, i Paesi in via di sviluppo sostengono che le emissioni dell’Occidente sono emissioni legate allo stile di vita, mentre per i Paesi in via di sviluppo sono emissioni di sopravvivenza. Altri chiamano i paesi ricchi ipocriti che si sono arricchiti inquinando senza ritegno e ora si aspettano che altri non si industrializzino e restino poveri. Quindi, chi è responsabile del cambiamento climatico e delle emissioni di CO₂? E a prescindere dal passato, chi deve fare di più oggi?

Domanda 1 di 3: Quali sono i paesi che oggi emettono più anidride carbonica?

Nel 2017, gli esseri umani hanno emesso circa 36 miliardi di tonnellate di CO₂. Più del 50% proveniva dall’Asia. Il Nord America e l’Europa hanno seguito con il 18% e il 17%. Mentre l’Africa, il Sud America e l’Oceania insieme hanno contribuito solo per l’otto per cento. La Cina è di gran lunga il maggiore emettitore al mondo con 10 miliardi di tonnellate di CO₂ ogni anno, ovvero il 27% delle emissioni globali. Seguono gli Stati Uniti con il 15% e l’Unione Europea con circa il 10%. Insieme, si tratta di oltre la metà delle emissioni mondiali di CO₂. Quindi è chiaro che senza la volontà e l’azione di questi tre blocchi industriali, l’umanità non sarà in grado di diventare carbon neutral e di prevenire gravi cambiamenti climatici. Il prossimo nella nostra lista è l’India al sette per cento, la Russia al cinque per cento, il Giappone al tre per cento, e l’Iran, l’Arabia Saudita, la Corea del Sud e il Canada, tutti a poco meno del due per cento. Insieme ai primi tre, i primi 10 sono responsabili del 75% delle emissioni globali. Ma se guardiamo solo alla situazione attuale, non abbiamo un quadro completo.

Domanda 2 di 3: Quali sono i Paesi che hanno emesso più emissioni in totale?

Se guardiamo alle emissioni nel corso della storia fino ad oggi, le prospettive cambiano drasticamente. Sia gli Stati Uniti che l’UE tolgono alla Cina il primo posto. Gli Stati Uniti sono responsabili del 25% delle emissioni storiche del mondo, con 400 miliardi di tonnellate di emissioni, per lo più nel XX secolo. Al secondo posto c’è l’UE con il 22%. La Cina è al terzo posto con poco meno del 13%, circa la metà del contributo degli Stati Uniti. Il contributo dell’India si riduce al 3 per cento insieme a quello di tutta l’Africa e del Sud America. Il Regno Unito è responsabile dell’uno per cento delle emissioni globali annuali, ma si assume il cinque per cento della responsabilità storica. La Germania, che oggi produce il due per cento delle emissioni all’anno, ha contribuito per quasi il sei per cento, tanto quanto l’intera Africa e il Sud America messi insieme. Quindi la storia che il rapido cambiamento climatico è davvero una responsabilità del mondo in via di sviluppo è difficile da difendere se i fatti sono importanti per voi. Ma questa non è ancora tutta la storia, perché concentrandosi sui Paesi si mescolano due cose: il numero della popolazione e le emissioni totali. Se un Paese ha più persone in generale, le sue emissioni sono ovviamente più elevate. Le cose sembrano molto diverse se guardiamo a persone come te, caro spettatore.

Domanda 3 di 3: Quali paesi emettono più anidride carbonica per persona?

L’uomo medio è responsabile di circa cinque tonnellate di CO₂ ogni anno, ma le medie possono essere fuorvianti. I paesi con le maggiori emissioni pro capite di CO₂ sono alcuni dei maggiori produttori mondiali di petrolio e gas. Nel 2017, il Qatar ha registrato le emissioni più elevate con 49 tonnellate a persona, seguito da Trinidad e Tobago, Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Brunei, Bahrain e Arabia Saudita. Ma questi sono outlier. Gli australiani hanno una delle più alte impronte di carbonio a persona: 17 tonnellate all’anno. Si tratta di più del triplo della media globale e di poco più della media statunitense e canadese con 16 tonnellate. I tedeschi fanno un po’ meglio con quasi 10 tonnellate, ma questo è ancora il doppio della media globale. La Cina è forse il più grande emettitore di emissioni al mondo, ma è anche il paese più popoloso del mondo, con oltre 1,4 miliardi di persone, il 18,5% della popolazione mondiale. Per persona, è sopra la media a sette tonnellate.

Storicamente, le emissioni di CO₂ sono state strettamente legate ad un elevato standard di vita. La ricchezza è uno dei più forti indicatori della nostra impronta di carbonio, perché passando da poveri a ricchi, otteniamo l’accesso all’elettricità, al riscaldamento, all’aria condizionata, all’illuminazione, alla cucina moderna, alle auto o agli aerei, agli smartphone, ai computer e interagiamo con le persone in tutto il mondo online. L’enorme aumento delle emissioni di CO₂ della Cina si accompagna alla più grande riduzione della povertà della storia. Se ordiniamo le emissioni di CO₂ in base al reddito, vediamo che la metà più ricca dei paesi è responsabile dell’86% delle emissioni globali e la metà inferiore solo del 14%. Il tedesco medio emette più di cinque volte di più dell’indiano medio. In soli 2,3 giorni, l’americano medio emette tanto quanto il nigeriano medio in un anno. E non solo, la dura realtà è che
sono i paesi che contribuiscono meno al problema che rischiano di perdere di più a causa del rapido cambiamento climatico. Il mondo in via di sviluppo sarà il più colpito. Le conseguenze potrebbero essere l’insicurezza alimentare, i conflitti per le risorse, i disastri naturali più duri e frequenti e i grandi movimenti di rifugiati climatici.

Domanda 4… di 3: chi dovrebbe assumersi la responsabilità?

Molti dei paesi più ricchi oggi sono in una posizione comoda. Sono diventati ricchi nel corso di secoli di combustione di combustibili fossili e di produzione industriale. Hanno una grande impronta storica, e la loro ricchezza significa che emettono ancora molto a persona. Ma le emissioni annuali del loro paese sono ora ridotte al minimo da altri paesi, perché il gigante che è la Cina sta finalmente recuperando il ritardo, e altri giganti come l’India stanno arrivando. Molti tedeschi, per esempio, si chiedono come la Germania, se rappresenta solo il due per cento delle emissioni annuali, possa avere un impatto significativo sulla riduzione delle emissioni.

La risposta è semplice. Per prima cosa, i paesi più ricchi hanno le risorse, la forza lavoro altamente istruita e la tecnologia per sviluppare soluzioni a basso costo e a basse emissioni di carbonio e diffonderle in tutto il mondo. Se non vogliamo che i paesi più poveri diventino dipendenti dai combustibili fossili come noi, abbiamo bisogno che la tecnologia a basse emissioni di carbonio sia economica e disponibile. E ci stiamo arrivando. Il costo delle energie rinnovabili sta diminuendo rapidamente e sono all’orizzonte diverse soluzioni per molti settori diversi. Ma deve accadere molto più velocemente.

Se i paesi ricchi dell’Occidente decidessero di affrontare seriamente il rapido cambiamento climatico, il resto del mondo lo seguirebbe, perché non ha scelta. Proprio come quando l’Unione Europea ha fatto rispettare gli standard di efficienza energetica per la tecnologia, anche il resto del mondo li ha adottati, perché voleva poter continuare a commerciare con il blocco. Tuttavia, questo non esonera gli altri dalla loro responsabilità.

La Cina è oggi il più grande emettitore di CO₂, ed è responsabilità della Cina crescere in modo da rendere possibile la transizione verso un mondo a zero emissioni di carbonio nel tempo. Altri che ieri hanno agito in modo irresponsabile sono una scusa orribile per ripetere gli stessi errori oggi. Il cambiamento climatico è un problema globale e nessun paese da solo può risolverlo. Capire chi è responsabile non è così semplice come sembra, e in un certo senso è una domanda sciocca, ma che ha afflitto la politica internazionale per decenni.

Alla fine, è abbastanza semplice. Tutti devono fare il meglio che possono, e in questo momento non lo stiamo facendo tutti. Ma possiamo iniziare oggi.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi