Paradisi fiscali. Ciò che non vi dice nessuno | VisualPolitik EN

Negli ultimi anni, l’esposizione dei Panama Papers e dei Paradise Papers ha nuovamente posto i paradisi fiscali sul radar dell’opinione pubblica. Negli ultimi due anni, le critiche a questi luoghi si sono moltiplicate in tutto il mondo. Politici, uomini d’affari, calciatori, cantanti … O semplicemente, investitori e risparmiatori … Molte persone trasferiscono parte del loro patrimonio in questi luoghi, presumibilmente per pagare meno tasse. Ecco perché molti critici affermano che se non fosse per questi paradisi milionari, la crisi finanziaria del 2008 sarebbe stata meno di una crisi. Ci è stato detto che senza questi paradisi, i governi non avrebbero dovuto fare tanti tagli; pagheremmo tutti meno tasse e, alla fine, gente, le cose funzionerebbero molto meglio. Ora, quanto è vero tutto questo? I paradisi fiscali sono davvero così dannosi per il benessere generale? Controlliamolo.

La prima cosa di cui dobbiamo essere chiari è che cos’è un paradiso fiscale. Bene, un paradiso fiscale non è altro che una giurisdizione con tasse basse, alta sicurezza legale e un’estrema quantità di protezione della privacy dei risparmiatori. Questo è molto importante, tagliare le tasse non è sufficiente per trasformare un territorio in un paradiso fiscale. Assolutamente no.

Vedete, gli investitori internazionali e i risparmiatori che usano queste giurisdizioni vogliono davvero proteggere i loro beni. Ecco perché non richiedono solo tasse basse, ma anche sicurezza legale. Questo è tutto; oltre alle tasse basse, vogliono assicurarsi che i loro beni siano al sicuro da ogni tipo di rapina, nazionalizzazione, confisca, corruzione o inflazione, per esempio. Pertanto, ciò che è comune a tutti i paradisi fiscali, anche più che le tasse basse, è la sicurezza legale.

Ci sono le Isole Cayman, Svizzera, Singapore, Hong Kong, Cipro, Jersey e Bermuda. Tutte queste giurisdizioni che riconosciamo come importanti centri finanziari sono caratterizzate dalla loro elevata sicurezza legale. I risparmiatori sanno che il governo non prenderà i loro soldi. È proprio questa combinazione di tasse basse e alta sicurezza legale che fa sì che questi territori ricevano così tanti capitali da tutto il mondo e crescano a tassi molto più alti che in altri paesi.

E, no, operare in questi posti non è illegale di per sé. Nonostante ciò che i media potrebbero suggerire, apparire nei Paradise Papers o nei Panama Papers non significa necessariamente che qualcuno abbia commesso un crimine. In effetti, la maggior parte dei nomi di queste liste sono quelli di persone completamente innocenti. Ci sono persone, come Alex Crivillé e Shakira, i cui beni hanno un’origine legale, e che usano paradisi fiscali per ridurre al minimo le loro tasse nei limiti della legge. Questo può sembrare più o meno immorale, ma è perfettamente legale.

Un altro dettaglio molto importante, che di solito dimentichiamo, è che questi paradisi fiscali sono un rifugio per milioni di cittadini che hanno avuto la sfortuna di nascere in paesi autoritari ed estrattivi. Voglio dire, sappiamo tutti che ci sono molti paesi nel mondo in cui i diritti umani più basilari non sono garantiti, o dove i governi autoritari decidono arbitrariamente chi reprimere o perseguire. Questo è tutto; molti investitori non cercano protezione solo per tasse più basse, ma sfuggono anche a persecuzioni politiche, ideologiche e religiose. Pensa, ad esempio, a dissidenti politici in Russia o in Venezuela, a famiglie minacciate da rapimenti in Messico, o ad imprenditori che provengono da paesi con poche garanzie come lo Zimbabwe o la Bielorussia. Bene, tutti traggono vantaggio dall’essere in grado di accedere a giurisdizioni che garantiscono la sicurezza che i paradisi fiscali fanno. Perché è anche una questione di giustizia.

Permettimi di spiegare. Sono convinto che molte persone pensano che sia un’aberrazione quando alcuni stati impediscono ai loro cittadini di lasciare il paese, come è successo con il Muro di Berlino. Bene, dovremmo anche pensare che sia un’aberrazione quando gli stati impediscono ai loro cittadini di prelevare i loro risparmi dal paese e depositarlo in una giurisdizione estera più protettiva. Sempre, naturalmente, finché lo fanno in conformità con la legge.

In ogni caso, la verità è che sia i media che i politici esagerano enormemente le conseguenze che questi paradisi fiscali hanno sulle nostre economie. Controlliamolo.

(UN RUOLO MOLTO ESAGERATO)

Secondo molti politici e giornalisti, i paradisi fiscali sono fortemente responsabili di tutti i mali che soffriamo, come i tagli al budget del governo del terzo mondo, la disuguaglianza e il sottosviluppo. Questo è quello che sostiene l’organizzazione di Oxfam, ad esempio. (AUDIO: L’attuale crisi globale della disuguaglianza ha un chiaro alleato nei paradisi fiscali: queste giurisdizioni rappresentano il buco nero in cui scendono le opportunità di sviluppo di milioni di persone in tutto il mondo).

Bene, prima di tutto dobbiamo dire che la definizione di Oxfam di paradiso fiscale è un po ‘trascurata: secondo loro, un paradiso fiscale è un paese che ha imposte molto basse, soprattutto per gli investimenti stranieri. Questa definizione comprende paesi come l’Olanda, l’Irlanda e il Lussemburgo, che, ovviamente, non ricevono tale qualifica dalla Commissione europea, dal Parlamento europeo o dall’OCSE. Ma ok, anche con questa definizione, vediamo quanto siano importanti questi paradisi fiscali.

Per fare ciò, prendiamo il caso della Spagna, un paese dell’Unione europea, con un reddito medio elevato, che ha molti problemi economici e tasse piuttosto elevate. Bene, basandosi sui dati del proprio governo, la Spagna ha investito oltre 40,91 miliardi di euro all’estero nel 2016. Di questo totale, 9,54 miliardi sono finiti in ciò che Oxfam sostiene essere paradisi fiscali. 9,54 miliardi, meno del 5% di tutto ciò che spagnoli hanno investito in tutto il mondo, compresa la Spagna, per quell’anno! Dai, la rilevanza di questi paradisi fiscali non è così grande come è stato dimostrato. In realtà, le stime più alte pongono il patrimonio mondiale dei paradisi fiscali a circa 7,6 trilioni di dollari. Questo, gente, è un numero molto piccolo a livello globale. Quindi potrebbe non piacerci, ma la verità è che i paradisi fiscali difficilmente possono essere responsabili dei grandi problemi che molti critici dicono di essere. Ma non è tutto.

Torniamo alla situazione della Spagna. L’87% degli investimenti spagnoli andati ai paradisi fiscali di Oxfam nel 2016 erano concentrati in Irlanda, Paesi Bassi e Lussemburgo. Stiamo parlando di oltre 8 miliardi di dollari. Bene, nello stesso anno, questi tre paesi hanno investito poco più di 12 miliardi di dollari in Spagna. Sì, è giusto. Come potete vedere, i paradisi fiscali non solo non decapitalizzano il tessuto imprenditoriale di un paese come fiscalmente non competitivo come la Spagna, piuttosto l’opposto. Questi paradisi fiscali hanno aiutato a capitalizzare la debole economia spagnola.

(AUDIO: il Lussemburgo è il paese che investe di più in Spagna – nelle fabbriche, negli edifici, nelle fattorie, nell’impiego … Ma non è denaro pubblico, ma denaro privato. La maggior parte proviene da società e da veicoli di salvataggio stabiliti nel paese) .

Ma … detto questo, diamo un’occhiata a un’altra domanda chiave: quanto reddito perdono i governi a causa dei paradisi fiscali? È vero che senza di loro non ci sarebbero stati tagli durante la crisi? Vediamo.

LA STORIA VERA

Come abbiamo visto, una delle critiche più comuni che i paradisi fiscali ottengono è che se non avessimo avuto una tale concorrenza sleale, i governi non avrebbero dovuto fare tagli di bilancio a seguito della crisi finanziaria del 2008. Ma … è vero? Torniamo al caso spagnolo. Come sapete, questo è uno dei paesi che ha sofferto maggiormente della recessione. Bene, secondo i dati del Ministero dell’Economia spagnolo, l’investimento accumulato in Oxfam ha definito i paradisi fiscali anno dopo anno pari a 80 miliardi di dollari. Bene, se tutto quel denaro fosse stato accumulato in Spagna anziché in paradisi fiscali, il reddito extra che lo Stato spagnolo avrebbe ricevuto sarebbe di circa 1 a 1,5 miliardi di euro. Una quantità assolutamente minuscola! Per darvi un’idea, questo è circa lo 0,1% del PIL spagnolo e meno dello 0,5% di tutte le tasse raccolte In altre parole, ha un impatto molto limitato. E, se al posto della Spagna, diamo un’occhiata a quello che sta succedendo nel resto del mondo, la situazione è abbastanza simile. Infatti, anche se prendiamo le stime più alte della Tax Justice Network, che è la fonte che viene abitualmente usata per denunciare i paradisi fiscali, vedremo che mostrano una perdita globale di raccolta di circa 200 miliardi di dollari, appena l’1% di tutti le entrate fiscali dei governi mondiali.

No, la verità è che contrariamente a quanto si sostiene di solito, i paradisi fiscali non sono da biasimare per i tagli, né ci costringono a pagare più tasse o danneggiano le nostre economie. Forse non ci piacerà molto, ma è così che stanno le cose.

Nel 1980 l’Irlanda era più povera della Spagna. Oggi, grazie a queste politiche, è il secondo paese più ricco della zona euro. Per migliorare il benessere generale, abbiamo bisogno di più aziende, non più politici e spesa pubblica. I problemi che i paesi con difficoltà economiche devono affrontare non provengono solitamente dai paradisi fiscali, ma dai loro politici.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi