Mifid II opportunità, robo-advisor non sono minaccia, Escalona di Finanza&Futuro

Mifid II opportunità? Robo-advisor minaccia? Qual è il futuro della professione del consulente finanziario? Ecco il punto di Armando Escalona, amministratore delegato di Finanza&Futuro, intervistato da Bluerating.

Finanza&Futuro ha appena compiuto 30 anni. Per Escalona un player importante del nostro mercato, il cui futuro sarà caratterizzato da un’evoluzione, ma sempre nel segno della continuità.

La continuità è rappresentata da un’architettura aperta, composta da 18 case di investimento. Il fine è quello di dare ai consulenti finanziari la possibilità di offrire al cliente ciò di cui ha bisogno rispetto alle sue esigenze.

Molte cose stanno cambiando. Ed è per questo Finanza&Futuro vede un aggiornamento in termini di tecnologia, come ausilio sempre più funzionale per i consulenti finanziari e per la loro professionalità.

Mifid II opportunità?

Qual è la novità di Mifid II

La direttiva dell’Unione Europea, lo ricordiamo a beneficio dei lettori, introduce il nuovo concetto di consulenza su base indipendente. Le imprese di investimento saranno quindi chiamate a specificare ai clienti se:

  • la consulenza è prestata su base indipendente o meno;
  • la consulenza è basata su un’analisi del mercato ampia o più ristretta delle varie tipologie di strumenti finanziari;
  • l’impresa fornirà ai clienti la valutazione periodica dell’adeguatezza degli strumenti finanziari raccomandati.

La MiFID II richiede di porre un’attenzione specifica agli elementi legati alla tolleranza al rischio e alla capacità dell’investitore di sostenere eventuali perdite.

Finanza&Futuro e Mifid II

Mifid II opportunità o spauracchio? Secondo Escalona la direttiva europea offre una grande opportunità per i consulenti di Finanza&Futuro, ma anche per tutto il mercato.

L’amministratore delegato considera la Mifid II opportunità soprattutto perché finalmente si esalta il ruolo del consulente finanziario, un ruolo che per certi versi è sociale. La direttiva, continua, consente di stare ancora più vicino ai clienti. Il tutto in un sistema assolutamente garantito e controllato. Finalmente la filosofia di fondo non è più la ricerca del rendimento ma il controllo del rischio, sulla base delle effettive necessità dei clienti.

Robo-advisor minaccia?

Cosa sono i Robo-advisor

Il Financial Times ha recentemente considerato che il consulente finanziario è tra le professioni che scompariranno in un prossimo futuro. Questo a causa della diffusione dei cosiddetti Robo-advisor.

I Robo-advisor sono dei servizi di digital wealth management o consulenza finanziaria online che, in modo automatizzato, forniscono al risparmiatore idee di investimento e strumenti per investire.

Finanza&Futuro e Robo-advisro

Escalona si dichiara in disaccordo con il Financial Times. Sostiene che la professione del consulente finanziario ha un lungo futuro davanti. Questo perché, secondo lui, non si potrà mai rinunciare al contatto personale, alla relazione umana. Il consulente conosce la famiglia, il contesto sociale, le abitudini del risparmiatore.

Conclude dicendo che tecnologia e sistemi neurali saranno un grande ausilio per la professione ma, non si potrà mai fare a meno della dimensione umana.

Staremo a vedere.

Altri post che potrebbero interessarti