Qual è il futuro per l’economia della Germania? | CNBC

La Germania ha l’economia più grande d’Europa, ma la pandemia ha aggravato le sue debolezze, con il PIL che dovrebbe scendere del 7% quest’anno. Silvia Amaro della CNBC guarda alle sfide che attendono il Paese.

****************

La Germania è la più grande economia della zona euro. Ha subito meno morti per il coronavirus rispetto ai suoi vicini e non ha mai dovuto istituire un blocco totale. Ma non è uscita indenne dalla pandemia. Infatti, il Paese stava già affrontando una recessione prima dell’epidemia di coronavirus, e l’emergenza sanitaria ha aggravato le sue debolezze strutturali. Con le perturbazioni nel suo cruciale settore automobilistico, l’incertezza nelle catene di fornitura globali e un più ampio rallentamento nell’area dell’euro, il paese è destinato ad affrontare il suo più forte declino dalla Seconda Guerra Mondiale. Quindi, cosa riserva il futuro alla Germania?

Per la maggior parte dell’ultimo decennio, la Germania ha registrato un’occupazione da record e una crescita economica più forte rispetto ai suoi partner europei. Ma questa performance è stata rallentata negli ultimi due anni.

“Dalla crisi finanziaria del 2008-2009, la Germania era fiorente, quindi in forte crescita, con un mercato del lavoro molto forte. Ma poi, dalla metà del 2018, la spina dorsale dell’economia tedesca, l’industria, ha già iniziato a rallentare”.

Perché? In primo luogo, i conflitti commerciali globali si stavano ripercuotendo sul critico settore manifatturiero. I costruttori di automobili in Germania esportano il 77% delle auto prodotte localmente, ovvero il 60% del totale delle auto esportate dall’UE nel 2019. Oltre a rallentare la domanda dalla Cina anche prima della pandemia, la minaccia di nuove tariffe da parte degli Stati Uniti è rimasta sospesa come una nuvola incombente. L’industria automobilistica si stava riprendendo anche dallo scandalo del diesel Volkswagen, che aveva colpito la reputazione del settore.

“Eravamo già nel bel mezzo di una recessione industriale quando la crisi della Covid-19 ha colpito l’economia tedesca”.

Inoltre, il governo tedesco era riluttante ad aumentare la spesa e ad investire nelle infrastrutture pubbliche. L’obiettivo principale a Berlino era quello di garantire la solidità delle finanze pubbliche non spendendo più di quanto il governo riceveva in entrate fiscali, nota anche come regola del “Black Zero”. Questo significava che la digitalizzazione e le infrastrutture pubbliche non ricevevano adeguati investimenti.

“Abbiamo avuto un intenso dibattito in Germania sugli investimenti nelle infrastrutture, gli investimenti pubblici, perché abbiamo visto che c’è un grande divario nella qualità delle nostre infrastrutture. Così, per esempio, i collegamenti di telefonia mobile non funzionavano bene, il sistema ferroviario era in pessime condizioni. Il gettito fiscale è così elevato che abbiamo accumulato eccedenze per quattro o cinque anni consecutivi. La gente diceva che “abbiamo abbastanza entrate fiscali, che vengono spese per le priorità sbagliate”. Tutti erano d’accordo: “dovremmo avere più investimenti, ma dovremmo finanziarli tagliando altri tipi di spesa pubblica”.

Poi il coronavirus ha colpito l’Europa e improvvisamente la Germania si è trovata ad affrontare problemi economici ancora più gravi.

“Se si guarda all’economia tedesca in questo momento e all’abolizione delle misure di blocco, è il tempo libero, è l’industria del turismo, che non si sta davvero risollevando, e sono chiaramente in modalità crisi. Mentre alcune parti sono in ripresa, penso che soprattutto l’industria automobilistica sia diventata più o meno l’esempio delle debolezze strutturali, che ora sono in qualche modo potenziate e rafforzate dalla crisi della Covid-19”.

L’interruzione delle catene di fornitura globali ha colpito duramente la Germania. Le fabbriche sono state chiuse o stanno funzionando a capacità ridotta per garantire l’allontanamento sociale, le frontiere sono state per lo più chiuse, mentre la capacità di trasporto aereo e marittimo è diminuita. Questo è un grosso problema per la Germania, perché il commercio internazionale è cruciale per la sua economia orientata all’esportazione. Non essere in grado di vendere i suoi prodotti all’estero o affrontare ritardi nell’approvvigionamento dei materiali rappresenta una sfida enorme. Infatti, le esportazioni tedesche sono diminuite del 24% mese su mese tra marzo e aprile. Nello stesso periodo, le importazioni sono diminuite del 16,5%. Questo è stato il più forte calo mese su mese sia delle esportazioni che delle importazioni dalla riunificazione della Germania. Ciò ha fatto sì che il surplus commerciale della Germania, spesso oggetto di critiche da parte del presidente americano Donald Trump, si sia ridotto al livello più basso dal dicembre 2000.

Tuttavia, dati recenti hanno mostrato che ci potrebbero essere prospettive più rosee per il commercio. Un indice che tiene traccia dei settori manifatturiero e dei servizi ha mostrato una ripresa dell’attività commerciale a maggio, quando la Germania ha allentato alcune restrizioni sociali. Tuttavia, è ancora molto lontano dai livelli pre-crisi. L’incertezza è stata un incubo per i produttori, dice Thilo Brodtmann, il direttore esecutivo della Mechanical Engineering Industry Association.

“Per l’industria meccanica, che in Germania ha un milione di persone occupate, la buona notizia è che non c’è mai stato un vero e proprio blocco, quindi c’è sempre stato un po’ di business di base, che ora sembra stia di nuovo accelerando un po’. La cattiva notizia, naturalmente, è che c’è un taglio profondo in quello che pensavamo sarebbe successo. Abbiamo già iniziato l’anno senza essere troppo ottimisti al riguardo, pensavamo ad una diminuzione del 5%. Ma questo prima del Coronavirus. Quindi dopo sarà molto, molto peggio”.

In questo contesto, l’economia tedesca potrebbe subire una contrazione del 7% nel 2020. Il modo in cui si riprenderà dipenderà dalla risposta del governo alla crisi. Finora, Berlino ha annunciato il più grande pacchetto di stimolo fiscale in Europa, stracciando anni di politiche di bilancio in pareggio. Finora ha adottato più di 450 miliardi di euro in misure di stimolo fiscale diretto, l’importo più alto rispetto ai suoi omologhi europei.

“La Germania ha sostanzialmente adattato il più grande pacchetto di salvataggio a livello mondiale, quindi si è trattato di un cambiamento piuttosto drastico nelle finanze pubbliche tedesche. Il tipo di politica del Black Zero è essenzialmente ciò che ci ha messo nella posizione di andare all-in”.

E per prevenire la perdita di posti di lavoro, la Germania ha un programma sponsorizzato dallo Stato, chiamato Kurzarbeit, che incentiva le aziende a ridurre l’orario di lavoro dei loro dipendenti invece di licenziarli attraverso la forma di sussidi salariali.

Durante la crisi finanziaria globale, la Germania è stato l’unico paese del G7 che è riuscito a mantenere stabile l’occupazione nonostante la contrazione del suo PIL, grazie anche al programma Kurzarbeit. Con l’aumento delle richieste di Kurzarbeit durante la pandemia, sono state apportate delle modifiche al programma per renderlo attraente per i datori di lavoro e i dipendenti, come ad esempio sussidi salariali più generosi e la rinuncia ai contributi previdenziali, tra gli altri. Gli economisti ritengono che la Germania continuerà a superare gli altri Paesi europei, ma gran parte del suo successo dipenderà da dove il governo investirà nei prossimi anni.

Il ritmo della ripresa in Germania dipenderà anche dai suoi vicini. A maggio la Germania ha sostenuto un massiccio pacchetto di stimoli fiscali per l’Unione Europea. A partire dal gennaio 2021 potrebbero essere messi a disposizione fino a 750 miliardi di euro per far uscire il blocco dei 27 membri dalla peggiore crisi economica della sua storia.

“La Germania uscirà da questa crisi più velocemente e inizialmente anche più forte della maggior parte degli altri Paesi europei. Ma le debolezze strutturali non sono scomparse all’improvviso, sono ancora tutte presenti, quindi questo metterebbe chiaramente un limite alla velocità della ripresa tedesca.”

Con la riapertura della Germania, la sua dipendenza dalle esportazioni e la sua esposizione al commercio internazionale la lasciano in uno stato precario.

“Se questo nuovo pacchetto di stimoli fiscali, e sta effettivamente affrontando un paio di questi fattori, quindi se avrà successo e porterà anche a maggiori stimoli negli anni a venire, allora questi ostacoli non saranno più ostacoli. Se questo stimolo fiscale sarà solo un fuoco di paglia, poi ovviamente i problemi di cui abbiamo parlato prima della crisi si ripresenteranno molto rapidamente e limiteranno il potenziale per una forte ripresa”.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi