CHE COSA SONO 8×1000, 2×1000 E 5×1000 | TE LO SPIEGO!

Ogni anno in primavera e autunno moltissimi italiani devono fare la dichiarazione dei redditi all’Agenzia delle Entrate. Pochi però sanno che in questa occasione possiamo scegliere di donare una piccola quota delle nostre tasse ad enti che si occupano del bene della collettività, come Medici Senza Frontiere. Chi possiamo aiutare? E come funziona questa donazione? Insomma… CHE COSA SONO 8×1000, 2×1000 e 5×1000?

****************

Che cosa sono e come si donano l’8 per mille, il 2 per mille e il 5 per mille dell’IRPEF? Te lo spiego!

Ogni anno, in primavera e in autunno, milioni di italiani che lavorano devono pagare le tasse. Quello che forse non tutti sanno è che quando facciamo la dichiarazione dei redditi abbiamo il diritto di scegliere che una piccola quota delle tasse che paghiamo allo stato italiano venga donata ad una confessione religiosa, ad un partito politico, ad un’organizzazione di utilità sociale di nostra scelta. Queste quote sono appunto l’8 per mille, il 2 per mille e il 5 per mille dell’IRPEF.

Nel caso dell’8 per mille, possiamo scegliere di donare ad una qualsiasi delle confessioni religiose che hanno raggiunto un accordo con lo stato italiano, come la chiesa cattolica, le comunità ebraiche, l’unione buddista, quella induista e molte altre. Oppure possiamo scegliere di versarlo allo stato italiano. Attenzione, però. Perché se non faremo una scelta specifica, il nostro 8 per mille verrà automaticamente ripartito fra le varie confessioni religiose in proporzione alle scelte fatte dagli altri contribuenti.

Nel caso del 2 per mille, invece, possiamo scegliere di donare una parte della nostra IRPEF ad una delle forze politiche iscritte allo specifico registro, che abbiano fatto richiesta di accedere alla ripartizione. In questo caso, però, al contrario di quanto succede per le confessioni religiose, se non effettueremo una scelta il nostro 2 per mille andrà tutto automaticamente allo stato italiano.

Infine, nel caso del 5 per mille, abbiamo il diritto di donare una quota delle nostre tasse ad un’organizzazione di utilità sociale, come organizzazioni di volontariato, onlus, associazioni o enti di ricerca che siano iscritte nello specifico elenco. Ma attenzione, perché anche in questo caso, se non effettueremo una scelta, il nostro 5 per mille andrà tutto automaticamente allo stato italiano.

Ma, quindi, come si fa a scegliere, cioè come si dona, in concreto? E’ semplicissimo. Diciamo che abbiamo deciso di donare il nostro 5 per mille ad un’associazione benefica, ad esempio Medici senza Frontiere, che si occupa di aiutare chi è stato colpito da guerre epidemie o calamità naturali, ed è attiva in Italia e in altri paesi sull’emergenza Covid-19. Per farlo, basterà compilare il modulo 730, il CU, oppure il modello unico, firmare nel riquadro per il sostegno alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale e indicare il codice fiscale di chi vorremmo sostenere.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi