Michio Kaku: come possiamo prevedere il successo negli esseri umani? | Big Think

Michio Kaku spiega le tre sezioni principali del cervello umano e la caratteristica che ritiene essere un indicatore chiave del successo nella vita.

Il cervello si è evoluto in tre parti, da dietro a davanti: in primo luogo, il cosiddetto cervello rettiliano o cervello spaziale; poi la scimmia o cervello sociale; e la sezione di più recente evoluzione è il lobo frontale, che comprende il tempo. Cosa c’è di così speciale in questa abilità temporale? Permette agli esseri umani di prevedere il futuro: pianificare, sognare e strategizzare consapevolmente. Questa è una caratteristica unica nel regno animale. Il fisico Michio Kaku ritiene che questo tratto possa anche definire il successo tra le nostre specie, come evidenziato dalla correlazione globale nel test marshmallow: coloro che aspettano il secondo marshmallow tendono ad avere più successo nella vita. Ascoltate Kaku spiegare perché questa capacità di guardare avanti e non prendere scorciatoie può essere un importante fattore predittivo di successo.

Beh, se si guarda alla storia dell’evoluzione del cervello stesso, ci si rende conto che il cervello è fondamentalmente diviso in tre parti. La parte posteriore del cervello è il cosiddetto cervello rettiliano, il cervello più vecchio, il cervello dello spazio, il cervello di un rettile, che deve localizzare la sua preda, il suo compagno, e capire la sua posizione nello spazio; questa è la parte posteriore del cervello. Come ci siamo evoluti verso il fronte, abbiamo evoluto il cervello della scimmia, il cervello della società, la gerarchia, le emozioni; il cervello che ti racconta le buone maniere, l’etichetta, come rispettare i tuoi anziani. Questa è la parte centrale del cervello, il cervello della scimmia.

Quindi, la parte anteriore del cervello è la parte più importante per noi, che ci distingue dagli animali. Vedete, gli animali hanno una parte posteriore del cervello, il cervello spaziale. Gli animali hanno un cervello sociale, come i lupi. Hanno un ordine di beccata al centro del cervello.

Allora, cosa abbiamo? Che cosa abbiamo che gli animali non hanno necessariamente? La parte anteriore del cervello governa il tempo. Pensa costantemente al futuro. Riproduce costantemente scenari alternativi di quello che potrebbe essere il futuro, piani, sogni, strategie. Gli animali non lo fanno.

Quando gli animali vanno in letargo, non è che dicono: ‘Oh, devo andare in letargo. E’ ora che io mi prepari ad andare in letargo”. No. Gli animali dicono semplicemente: L’istinto mi dice che devo prepararmi e devo andare in letargo.

Allora cos’è che rende gli esseri umani diversi dagli animali? E questo come è legato al successo come essere umano? È la capacità di vedere il futuro, di vedere il futuro in tutta la sua confusione, di poter ricreare scenari del futuro che siano realistici.

Ora, andiamo da uno psicologo e poniamogli una semplice domanda: C’è un test che mette in relazione i bambini con il successo nella vita? Questa è una grande domanda. Successo nella vita e nell’infanzia – c’è un test che si può eseguire? Non è perfetto, naturalmente. Ma sì, c’è un test che è stato fatto in tutto il mondo. Si mettono alla prova i bambini, e qualche decennio dopo, si cerca di scoprire se hanno successo o meno.

E si scopre che, sì, c’è una caratteristica che sembra essere correlata al successo nella vita, tasso di divorzio più basso, reddito più alto, status sociale più alto. Qual è questa caratteristica? E’ misurata dal test marshmallow. Il test marshmallow – si dà ai bambini la possibilità di mangiare un marshmallow ora o due marshmallow poche ore dopo. E poi si seguono questi bambini per decenni in diversi paesi. Ora, non è perfetto, naturalmente. Ma troverete che c’è una correlazione misurabile.

Ora, qual e’ la lezione qui? La lezione è che i bambini che volevano due marshmallows più tardi hanno visto il futuro. Sono quelli che vogliono pianificare, quelli che vogliono andare al college, quelli che vogliono fare qualcosa di se stessi, che resistono. Ora, chi sono quelli che ottengono semplicemente quel primo marshmallow? Non è perfetto, ma molti di loro vogliono scorciatoie, scorciatoie nella vita, la via d’uscita facile.

Ora, facciamo un esperimento scientifico che tutti noi possiamo fare. Se ti sei diplomato a scuola, e incontri i tuoi amici anni dopo, come a una riunione, mentalmente, ti fai una semplice domanda. Dove sono i miei amici adesso? Dopo tanti anni, non li ho più visti. Penso che forse hanno avuto successo. O conosco questo tizio. Questo ragazzo è un perdente. Non andrà da nessuna parte del mondo.

E tu li incontri. E sì, fai degli errori. Ma ho scoperto che, quando vado alle mie riunioni, sì, le persone che pensavo avrebbero avuto successo hanno avuto successo. E quelli che pensavo prendessero scorciatoie, sì, hanno preso scorciatoie nella vita. Ed è per questo che penso che la misura del successo sia vedere il futuro, cioè eseguire simulazioni del futuro più e più volte, sognare ad occhi aperti: Dovrei andare al college? Dovrei ottenere un dottorato di ricerca? Dovrei diventare così? Dovrei farlo? Elaborazione di tutti i diversi scenari, contro la scorciatoia: posso tagliare gli angoli. Posso rubare qui. Posso confondere questo. Potrei mentire su questo. Questo, a mio avviso, è il criterio per il successo nella vita.

Altri post che potrebbero interessarti