La nuova strategia digitale della Commissione Europea

Le tecnologie digitali hanno cambiato notevolmente la nostra vita quotidiana. Pertanto, l’Europa vuole assicurarsi che la trasformazione digitale funzioni per tutti i suoi cittadini. Le opportunità sono molte: pari accesso all’istruzione e all’assistenza sanitaria, facilità di trasporto, condizioni di lavoro più sicure e pianeta sostenibile. Il nostro obiettivo è quello di costruire sui valori europei e proiettarli sulla scena internazionale. Tuttavia, possiamo realizzarli solo con una tecnologia che funzioni per le persone, con un’economia digitale competitiva per le imprese e per i cittadini più potenti. Il nostro obiettivo è che l’Europa garantisca la sovranità tecnologica. La trasformazione digitale costruita con e per i cittadini, questa sarà la via europea.

*********************

Siamo a un bivio nello sviluppo dell’Unione Europea. Le sfide a medio termine che l’Europa deve affrontare sono la globalizzazione, il cambiamento climatico, la demografia e la digitalizzazione. Queste sfide devono essere affrontate contemporaneamente a questioni più immediate, tra cui la necessità di prevenire il terrorismo e gli attacchi cibernetici, di promuovere una crescita più rapida, di creare più posti di lavoro e di fornire servizi pubblici migliori. Sono necessarie una leadership politica risoluta e politiche adeguate e interconnesse a livello europeo.

Queste politiche dipenderanno, più che mai, dai dati. Come ha affermato un recente rapporto delle Nazioni Unite, “i dati sono la linfa vitale del processo decisionale e la materia prima per la responsabilità”. Il ruolo che le tecnologie digitali dovrebbero svolgere è chiaro.

In tutto il mondo, queste stesse preoccupazioni sono evidenti, e sta emergendo la consapevolezza che solo chi converte i dati in soluzioni digitali precedentemente inimmaginabili potrà prosperare. Anche gli Stati membri stanno affrontando queste sfide sociali senza precedenti. Hanno riconosciuto la necessità di aggiornare le loro strategie digitali del settore pubblico per cogliere le opportunità offerte dalle tecnologie digitali. Il vertice digitale di Tallinn del settembre 2017 ha affrontato questi temi a livello europeo. I leader del vertice hanno sottolineato la necessità di accelerare il completamento del mercato unico digitale. Hanno anche sottolineato l’importanza del settore pubblico e hanno articolato ciò che si aspettano dalla Commissione. Ciò conferma la necessità che la Commissione Europea adotti una nuova strategia digitale, che dovrebbe essere focalizzata sulle politiche post-2020 che plasmeranno il futuro dell’Europa.

Nuove soluzioni digitali innovative a sostegno delle politiche e delle attività della Commissione sono necessarie a causa di diversi fattori: le aspettative degli Stati membri, gli obblighi giuridici, le nuove esigenze degli utenti, le crescenti preoccupazioni in materia di sicurezza e un approccio aziendale alla gestione delle informazioni, che ponga l’accento sulla condivisione e il riutilizzo dei dati. Le principali sfide informatiche per la Commissione sono quindi le seguenti: (i) la progettazione, lo sviluppo e la diffusione della prossima generazione di soluzioni digitali mission-critical e (ii) la modernizzazione dei sistemi ereditati.

Questa strategia digitale definisce una visione per affrontare questa sfida – evolvere verso un’amministrazione digitalmente trasformata, orientata all’utente e guidata dai dati. Essa formula i principi alla base dello sviluppo di soluzioni digitali a sostegno dell’uso efficace e coerente dei dati da parte della Commissione nel rispetto delle normative sulla protezione dei dati. Individua le azioni per fornire una Commissione digitalizzata, compresi i servizi pubblici digitali senza frontiere che attuano politiche a livello europeo, rafforzando al contempo la sicurezza informatica.

Questa strategia sottolinea il ruolo fondamentale di un solido ecosistema di dati. Essa evidenzia un nuovo modello di fornitura che promuove l’agilità, l’innovazione e la co-creazione da parte di tutti i servizi della Commissione. In particolare, sottolinea l’importanza di consentire azioni – in materia di governance, risorse e competenze digitali – senza le quali sarà impossibile realizzare la trasformazione desiderata.

Questa strategia digitale è un’opportunità unica per sfruttare il potenziale della digitalizzazione e creare soluzioni innovative per una Commissione più affidabile, efficace, efficiente, trasparente e sicura. Essa si concentra su azioni interne, aziendali e informatiche per sostenere i servizi della Commissione nel loro lavoro quotidiano e per sviluppare le soluzioni digitali che siano giuridicamente indispensabili per l’esecuzione delle politiche della Commissione in tutta l’UE. La strategia rappresenta anche un’opportunità per esplorare la collaborazione e le sinergie con altre istituzioni e agenzie. Il risultato sarà una Commissione che fa il miglior uso delle tecnologie digitali per lavorare in armonia con gli Stati membri e che è adatta allo scopo nell’odierno spazio globale dell’informazione digitale con il suo flusso di dati in tempo reale.

Questa trasformazione aziendale dipende da un sostegno impegnato a livello politico e gestionale. Il tempo è essenziale. L’accelerazione del cambiamento globale accentua l’urgenza con cui questa strategia deve essere attuata. I direttori generali sono responsabili e devono guidare questa trasformazione digitale dei loro dipartimenti. Un fallimento comprometterebbe la reputazione della Commissione come amministrazione di livello mondiale e ridurrebbe il suo potenziale di servire l’Europa nell’era digitale. Il successo sarà una Commissione rinomata per l’uso innovativo delle tecnologie digitali per fornire i migliori servizi possibili ai cittadini dell’Unione.

Il successo dell’attuazione di questa strategia si tradurrà in soluzioni digitali basate sui dati per le politiche della Commissione e in un ambiente digitale sicuro per il personale, adatto ai loro metodi di lavoro. Infine, questa strategia digitale può essere considerata come la risposta della Commissione all’invito del Consiglio europeo del 19 ottobre 2017 per “i governi e i settori pubblici che sono pienamente portati nell’era digitale e danno il buon esempio”.

Entro il 2022, la Commissione sarà un’amministrazione trasformata digitalmente, incentrata sull’utente e sui dati, una vera e propria Commissione digitale. Sarà dotata di una nuova generazione di soluzioni digitali affidabili e personalizzate a sostegno delle sue politiche, attività e processi amministrativi digitalizzati. Queste soluzioni aumenteranno l’efficienza, l’efficacia, la trasparenza e la sicurezza della Commissione e forniranno servizi pubblici digitali in tutta l’UE, senza frontiere, indispensabili per il funzionamento dell’Unione europea.

Questa visione va oltre l’e-government più tradizionale, ed è in linea con la definizione di governo digitale dell’OCSE: “l’uso delle tecnologie digitali, come parte integrante delle strategie di modernizzazione dei governi, per creare valore pubblico (…) sostenendo la produzione e l’accesso a dati, servizi e contenuti attraverso l’interazione con il governo”. Più semplicemente, questo significa cambiare radicalmente il modo in cui la Commissione lavora, in modo da sfruttare appieno le tecnologie digitali. Questa strategia si concentra sulle persone e sulle loro esigenze, non solo sui dati e sulla tecnologia. È il mezzo per dare al personale gli strumenti che aggiungono valore a ciò che sta facendo e che forniscono (in ultima analisi) al cittadino.

Il successo dell’implementazione di questa visione fornirà una serie di soluzioni digitali che: (i) sosterrà le priorità e le attività politiche della Commissione in modo “aperto, efficiente e inclusivo” e (ii) fornirà “servizi pubblici digitali senza frontiere, interoperabili, personalizzati, di facile utilizzo, da punto a punto”.

Queste soluzioni dovrebbero consentire la condivisione dei dati e le pratiche di lavoro collaborativo proposte dalla comunicazione sulla gestione dei dati, delle informazioni e delle conoscenze. Dovrebbero offrire al personale flessibilità per quanto riguarda le modalità, i tempi e i luoghi di lavoro, unitamente a una maggiore standardizzazione delle modalità di utilizzo degli strumenti informatici e delle informazioni. In linea con una cultura di governo aperta , dovrebbero anche consentire ai cittadini di impegnarsi e partecipare alla definizione delle politiche. Le soluzioni dovrebbero essere progettate per ottimizzare l’esperienza dell’utente in termini di funzionalità e di interfaccia utente.

I seguenti obiettivi di alto livello dovrebbero guidare le azioni che attuano la visione:

  • sostenere le priorità politiche e le attività della Commissione con soluzioni digitali sicure e all’avanguardia;
  • fornire alla Commissione servizi pubblici digitali di alta qualità, affidabili, senza frontiere, attuando le sue politiche a livello dell’UE, facilitando la libera circolazione dei dati e rafforzando il mercato unico digitale;
  • consentire la trasformazione della Commissione e massimizzare il suo ruolo nell’elaborazione delle politiche sfruttando il potenziale dei dati della Commissione;
  • fare della Commissione una “amministrazione aperta” di livello mondiale, un’istituzione collaborativa, innovativa e agile al servizio dell’Unione europea;
  • garantire che le risorse informatiche della Commissione siano sicure, che sia impedito l’accesso o l’uso non autorizzato delle informazioni e che l’istituzione sia protetta dagli attacchi informatici;
  • garantire la resilienza della Commissione assicurando la sicurezza, l’efficienza e l’efficacia della sua infrastruttura digitale e del suo portafoglio di servizi digitali;

Il raggiungimento di questi obiettivi farà della Commissione un’amministrazione di livello mondiale – aperta, fidata, sicura, connessa, digitalizzata e guidata dai dati. Sarà caratterizzata da una cultura di pratiche di lavoro collaborativo, dalla condivisione dei dati e da soluzioni digitali personalizzate. Ciò favorirà l’adozione di servizi pubblici digitali interoperabili in tutto il settore pubblico europeo e contribuirà a rendere il mercato unico digitale una realtà.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi