Come la migrazione potrebbe rendere il mondo più ricco | The Economist

Molti dei recenti cambiamenti politici nell’Ovest – l’elezione di Donald Trump, l’aumento del populismo in Europa e Brexit – possono essere in parte attribuiti alla paura della migrazione di massa. Tuttavia, l’aumento della migrazione è uno dei modi più rapidi per rendere il mondo più ricco.

Sotto un ombrellone improvvisato su un letto di fiume semi-secco sull’isola indonesiana di Giava, Eddie Sebastian sta facendo una pausa pranzo. Fa caldo e lui è stanco. Guadagna 2 dollari al giorno raccogliendo pietre, rompendole con un martello e vendendole come materiale da costruzione. Alla domanda se ha strumenti migliori, dice: “La nostra attrezzatura più avanzata è il ‘carrello elevatore’. Sta indicando una carriola arrugginita. Il talento di Sebastian è sprecato. Non solo perché sarebbe un ottimo comico in piedi, ma anche perché è nato nel posto sbagliato. Se vivesse in un paese ricco, gestirebbe una scavatrice meccanica e guadagnerebbe 20 dollari all’ora invece di 2 dollari al giorno.

Secondo la Banca mondiale, i migranti che si spostano dai paesi a basso reddito a quelli a più alto reddito guadagnano in genere da tre a sei volte di più di quanto guadagnano in patria. Il semplice atto di trasferirsi li rende più produttivi, perché i paesi ricchi hanno istituzioni migliori, lo stato di diritto, mercati dei capitali efficienti e società moderne. I lavoratori edili dei paesi ricchi costruiscono edifici migliori perché hanno strumenti migliori, elettricità affidabile e il loro datore di lavoro non deve pagare i funzionari locali corrotti. Gli scienziati dei paesi ricchi fanno più progressi perché hanno laboratori migliori e una selezione più ampia di altri scienziati con cui lavorare.

Non c’è da stupirsi che molti dei vicini di casa del signor Sebastian siano emigrati. A distanza di una breve passeggiata su una collina dalla cava dove lavora c’è un villaggio, Bumiayu, dove le case dei migranti sono facilmente individuabili. Sono quelle di classe, con piani multipli, grandi finestre e parabole satellitari. “Questa casa appartiene a un marinaio”, dice Idrus Dewi, un pescatore locale. “Il proprietario di questa casa è andato in Corea del Sud”. Il signor Dewi è uno dei fortunati. Sua sorella maggiore è una tata a Singapore. Il denaro che manda a casa ha pagato le rette scolastiche dei suoi fratelli e ha fornito capitale di avviamento per diverse imprese familiari.

Se tutti coloro che volevano emigrare potessero farlo, il pil globale raddoppierebbe, stima Michael Clemens del Centro per lo sviluppo globale, autore di un libro di prossima pubblicazione, “The Walls of Nations“. Nessun altro cambiamento di politica si avvicina a generare ricompense così colossali. Se ci sono 90 trilioni di dollari all’anno in palio, si potrebbe pensare che i responsabili politici potrebbero febbrilmente escogitare modi per ottenerne una parte. Non lo stanno facendo.

Nella maggior parte dei paesi ricchi, l’immigrazione è gelatina politica. Alcuni dei più grandi sconvolgimenti dello scorso decennio – l’elezione di Donald Trump, l’aumento del populismo in Europa, il voto della Gran Bretagna per lasciare l’Unione Europea – sono in parte spinti dalla paura della migrazione di massa. Gli oppositori dell’immigrazione, ovunque, usano argomentazioni simili: i migranti sono dirompenti, mettono a dura prova i servizi pubblici, prendono lavoro dalla gente del posto e sono spesso criminali. “Non sono razzista”, dice Kevin Drake, un sostenitore del Brexit nell’Essex, Inghilterra. “Ma a scuola i miei nipoti non attirano l’attenzione perché gli stranieri non parlano inglese, e gli insegnanti passano più tempo su di loro”. L’immigrazione “distruggerà il Giappone”, dice Makoto Sakurai del Japan First Party, che si batte contro la leggera apertura delle frontiere giapponesi.

Pochi scettici della migrazione possono citare il danno concreto che uno straniero abbia fatto loro. Ma i nazionalisti di tutto il mondo si scambiano continuamente aneddoti, alcuni dei quali veri, che rafforzano le loro paure. Nella dozzina di paesi che il suo corrispondente ha visitato per questo rapporto speciale, ha continuato a sentire la stessa manciata di storie dell’orrore. “Donne e ragazze tedesche di appena tre anni vengono violentate da immigrati”, ha avvertito Sakurai, che vive a 9.000 km dalla Germania.

Sfruttare e infiammare la paura degli immigrati può far guadagnare voti. Il primo ministro ungherese, Viktor Orban, avverte di un complotto fittizio per inondare di musulmani il suo paese cristiano. Trump vorrebbe un fossato di alligatori per tenere fuori i messicani. La Danimarca ha approvato una legge che raddoppia le pene per i crimini nei “ghetti” dei migranti. Gli immigrati sono “combustibile elettorale”, dice Andrea Costa, che a Roma gestisce un ente di beneficenza che li aiuta. Il dubbio anti-immigrante ha infettato anche i paesi non ricchi. In Sudafrica, a settembre, almeno 12 persone sono state uccise in sommosse contro i migranti provenienti dal resto dell’Africa. L’India sta costruendo campi per internare alcuni dei 2 milioni di persone che ha recentemente privato della cittadinanza.

Questo rapporto speciale porrà le grandi domande sull’immigrazione. Chi si muove, dove e perché? Quali sono gli effetti sui luoghi in cui si trasferiscono, su quelli che lasciano e sugli stessi migranti? Esamineremo i movimenti transfrontalieri e la migrazione all’interno dei paesi. Sosterrà, forse impopolare, che il mondo ha bisogno di più migrazione, che i guadagni potenziali superano di gran lunga i costi, e che tali costi possono essere mitigati con politiche migliori.

I migranti sono molto meno numerosi di quanto suggeriscono i filmati di imbarcazioni sovraffollate. L’ONU stima che 270 milioni di persone vivano al di fuori del paese in cui sono nati (di cui il 90% sono migranti economici, e il resto sono per lo più rifugiati). Si tratta del 3,5% dell’umanità, una quota appena superiore a quella del 1960, anche se alcuni paesi sono stati più accoglienti di altri.

E’ diventato fisicamente molto più facile spostarsi, ma burocraticamente molto più difficile. Solo il 2% di coloro che sono arrivati a Ellis Island un secolo fa sono stati respinti. Ora è estremamente difficile migrare legalmente da un paese povero a un paese ricco, a meno che non siate altamente qualificati o un parente stretto di un residente legale. L’anno scorso la lotteria della “green card” americana ha attirato 294 candidati per ognuno dei suoi 50.000 slot. In parte a causa degli sforzi di Trump per rendere la vita difficile per loro, l’afflusso netto di tutti i migranti è sceso del 74% nel 2018, a 200.000 persone. A livello globale, molte più persone vorrebbero spostarsi di quanto sia possibile. Un sondaggio Gallup suggerisce che 750 milioni di persone – il 15% degli adulti del mondo – vogliono stabilirsi permanentemente all’estero. Ciò include il 33% degli africani subsahariani e il 27% di quelli dell’America Latina e dei Caraibi.

Per esplorare i costi e i benefici della migrazione, un buon punto di partenza è l’unico luogo in cui uno degli stereotipi dei populisti – che gli immigrati sono in gran parte criminali – non è mai stato vero: l’Australia.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi