Perché l’India ha cancellato l’86% delle rupie in circolazione? | PolyMatter

Perché l’India ha cancellato l’86% delle rupie in circolazione? Perché questa misura così drastica da parte del premier Modi?

L’8 novembre 2016, alle 20:15, i televisori in tutta l’India hanno sfarfallato all’unisono. Drammi, partite di cricket e game show sono stati tutti sostituiti con il volto del primo ministro Modi. In questo indirizzo imprevisto e a sorpresa, ha annunciato che le banconote da 500 e 1.000 rupie – del valore rispettivamente di circa 7 e 14 dollari USA – avrebbero presto perso il loro status di moneta a corso legale. Senza alcun valore monetario, sarebbero diventati nient’altro che pezzi di carta, inutili per qualsiasi transazione. “Presto” significava in 3 ore e 45 minuti – con effetto immediato a mezzanotte. E quelle banconote da 500 e 1.000 rupie costituivano non meno dell’86% di tutto il contante in circolazione. Era come se il presidente degli Stati Uniti annunciasse improvvisamente che tutte le banconote da 10 e  20 dollari non avessero più valore, solo con una popolazione 4 volte più grande e molto più dipendente dal contante. I mesi successivi furono il risultato di un esperimento affascinante e involontario: 1,3 miliardi di persone si affollarono per sostituire i loro contanti, il governo si precipitò a stampare nuove banconote e decine di persone morirono nel processo.

L’India vive sui contanti. Si stima che, misurato in termini di volume, il 90-98% di tutte le transazioni nel paese riguardano la valuta fisica, e l’85% dei lavoratori sono pagati in contanti, mentre solo la metà circa della popolazione possiede un conto bancario. Queste sono le condizioni ottimali per il furto fiscale, il che rende estremamente facile ed estremamente comune i guadagni non dichiarati e, quindi, sconosciuti e non tracciati dal governo. L’economia sommersa e informale rappresenta dal 25 al 40% del PIL nazionale.

Mentre i lavoratori salariati hanno automaticamente trattenute fiscali sui loro stipendi, essi rappresentano solo un decimo di tutti i lavoratori organizzati. Gli agricoltori, nel frattempo, che costituiscono circa la metà della forza lavoro nazionale, sono in gran parte esenti – protetti dai politici dal loro grande potere di voto, non diversamente dagli anziani negli Stati Uniti.

Nel 2016, solo 37 milioni di indiani hanno presentato la dichiarazione dei redditi, di cui 10 milioni sono stati esentati, lasciando solo 27 milioni di contribuenti in un paese di 1,3 miliardi. La soluzione di Modi era semplice: costringere tutti a dichiarare i propri guadagni. Dal 9 novembre, gli indiani avevano tempo fino al 30 dicembre per portare in banca le loro 500 e 1.000 rupie. Lì, potevano essere depositati per l’intero valore, o scambiati con altre banconote allo sportello, per un massimo di 4.000 rupie a persona al giorno, poi aumentate a 4.500 e poi ridotte a 2.000 rupie. Gli evasori fiscali, grandi e piccoli, non hanno avuto altra scelta che dichiarare il loro patrimonio o perderlo tutto a gennaio. Qualsiasi deposito strano e di grandi dimensioni senza documenti esplicativi sarebbe stata una bandiera rossa immediata per il governo.

Ma è qui che tutto è andato storto: la banca centrale non poteva preparare in segreto milioni di nuove banconote sostitutive. Stamparle in anticipo avrebbe attirato quindi l’attenzione, poteva causare il caos e mettere in guardia gli stessi criminali che la politica era destinata a colpire. Per questo motivo, la Reserve Bank poteva iniziare a stampare le nuove banconote da 500 e 2.000 rupie solo dopo l’annuncio – lasciandola con poco meno di 4 ore per ristampare la stragrande maggioranza della valuta della seconda nazione più popolosa al mondo. Chiaramente, era un compito impossibile.

Ora, dover portare denaro contante in deposito o in cambio sarebbe stato abbastanza dirompente per molti indiani, ma poiché le nuove banconote erano così scarse, per mesi si sono formate lunghe code al di fuori delle banche e dei bancomat. Inoltre, le banconote sostitutive erano leggermente più piccole, il che richiedeva l’adeguamento degli sportelli automatici per poterle utilizzare. Ci sono state azioni legali, scioperi e proteste contro quella che molti considerano un’ingerenza irragionevole da parte del governo nella vita quotidiana. E nonostante tutto questo, ci sono buone ragioni per essere scettici sul fatto che la politica abbia raggiunto gli effetti desiderati.

In generale, c’erano due obiettivi per la smonetizzazione: In primo luogo, per indebolire il finanziamento del terrorismo e, in secondo luogo, per colpire l’economia sommersa informale. Entrambi sono difficili da misurare. Se i gruppi terroristici hanno subito perdite significative a causa della smonetizzazione, nessuno lo sa con certezza. E il mercato nero è problematico proprio perché non può essere misurato. Quello che sappiamo, secondo la stessa Reserve Bank of India, è che il 99,3% delle banconote demonetizzate sono state successivamente restituite. In altre parole, la politica ha tolto dalla circolazione solo una piccola quantità di denaro. Gli esperti concordano ampiamente sul fatto che il denaro nero è per lo più immagazzinato sotto forma di oro, argento, immobili e conti bancari all’estero, e non di banconote del valore di 7 o 14 dollari USA ciascuna.

E’ vero che la smonetizzazione ha aggiunto un record di 9 milioni di nuovi contribuenti, ma la distruzione di massa che ha causato ha anche rimosso quasi lo stesso importo – 8,8 milioni di persone hanno smesso di pagare quell’anno, probabilmente a causa della perdita di reddito. E mentre i pagamenti digitali hanno registrato un significativo picco di utilizzo, non ci sono stati effetti duraturi dopo che le nuove banconote sono state completamente distribuite.

Tre anni dopo, l’unico risultato certo della smonetizzazione è stato il caos immediato che ha creato in tutta la nazione: ore sprecate in banca, incertezza finanziaria per i più vulnerabili, perdita di stipendi e almeno diverse vite innocenti. Peggio ancora, è venuta fuori dal nulla, non come risposta all’inflazione o a disordini. Allora, perché la politica è ancora così popolare in India, considerato tutto quello che sappiamo, tra coloro che ne hanno pagato personalmente i costi?

Come il consolidamento del potere di Xi Jinping in Cina, Modi ha venduto con successo una storia di ingiustizia, di lotta alla corruzione e ai criminali, per ottenere infine un sostegno politico. Poco dopo, il partito di Modi ha vinto le elezioni del 2017 nel suo stato di nascita, il più popoloso dell’India con i suoi 200 milioni di persone, grazie, in parte, alla convinzione popolare che la smonetizzazione era un sacrificio collettivo necessario per far pagare ai ricchi la loro giusta parte. Chiunque abbia protestato contro questa politica poteva facilmente essere etichettato come un criminale che cercasse di nascondere il denaro nero.

Piuttosto che far rivoltare la popolazione contro il governo, la smonetizzazione l’ha arruolato, facendo sentire di fare personalmente la propria parte per aiutare a combattere il crimine. Il partito di Modi avrebbe potuto approvare leggi altrettanto efficaci, ma meno dirompenti, per colpire il denaro nero e spiegare alle persone di voler ottenere sostegno. Invece, egli sapeva che il modo più efficace per trasmettere informazioni è di mostrarle alla gente, in prima persona. La smonetizzazione ha raggiunto il suo vero obiettivo di guidare il sostegno politico rendendo un concetto, astratto e lontano, tangibile e interattivo.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi