I droni stanno diventando un’industria da 100 miliardi di dollari | CNBC

I veicoli volanti senza pilota, i droni, stanno diventando sempre più popolari in tutto il mondo. La tecnologia si sta sviluppando rapidamente con droni in grado di volare sempre più lontano e di trasportare carichi utili sempre più pesanti. Ma i cieli sopra la nostra testa saranno sicuri? David Reid della CNBC indaga.

I droni stanno rivoluzionando il settore militare, i servizi di emergenza, l’aerospaziale e potenzialmente anche l’industria dei taxi. La crescita di queste imbarcazioni aeree senza equipaggio presenta nuove opportunità per l’industria aerospaziale, ma con un numero sempre maggiore di essi, sono al sicuro per affollare i nostri cieli?

Sono qui al Dubai Air show, dove sono esposti alcuni dei più recenti droni. Questo è l’Aura 100 UAV. UAV è l’acronimo di Unmanned Aerial Vehicle (veicolo volante senza pilota). L’azienda dietro questo drone è negli Emirati Arabi Uniti per promuovere le sue capacità e trovare clienti.

“Abbiamo già finalizzato tutti i voli di prova, e abbiamo alcuni campioni, che sono effettivamente pronti e volanti. Posso dire che ora siamo pronti per la produzione”.

Ma l’Aura 100 deve affrontare una forte concorrenza, con droni provenienti da tutto il mondo esposti qui a Dubai.

“Qui siamo stati inondati di opportunità, dal settore della difesa e del governo, al petrolio e al gas. La risposta è stata davvero buona”.

Jason Braverman è qui con il suo drone di costruzione canadese, che secondo lui è ideale per il monitoraggio degli oleodotti e la sorveglianza.

“Se si guarda al mondo, questo è davvero il centro del petrolio e del gas, e questa regione ha problemi di sicurezza molto particolari”.

L’industria dei droni dovrebbe valere 100 miliardi di dollari a livello globale entro il 2020, con applicazioni militari che costituiscono la maggior parte di un mercato da 70 miliardi di dollari. I droni di consumo sono attesi raggiungere i 17 miliardi di dollari, mentre le imprese e i governi civili costituiscono gli ultimi 13 miliardi di dollari. Si prevede che l’uso dei droni crescerà in tutti e tre i segmenti, con la diminuzione dei costi di produzione e l’avanzamento della tecnologia che sta dietro ai droni. Per i consumatori, questo potrebbe significare andare in un parco e far volare un drone in miniatura con una macchina fotografica per una foto perfetta.

I droni commerciali sono utilizzati in settori come i trasporti, l’agricoltura, l’edilizia o i soccorsi in caso di calamità. Nell’industria aeronautica, ad esempio, gli aerei possono ora essere ispezionati per la sicurezza utilizzando telecamere montate su droni. E, nell’ambito militare, l’applicazione dei droni ha permesso alle forze armate di spiare, aumentare la loro consapevolezza della situazione, ottenere vantaggi tattici sul campo di battaglia e persino sparare ai bersagli.

Il controllo di un drone di questo tipo può essere effettuato in due modi. La maggior parte sono telecomandati, ma alcuni possono volare da soli utilizzando sensori di volo a bordo e sistemi di navigazione come il GPS per seguire i piani di volo digitali.

Amazon sta sviluppando Prime Air per consegne autonome e senza pilota, mentre Project Wing è la versione di Alphabet della tecnologia. Nel 2019, DHL ha collaborato con il produttore cinese di UAV Ehang per creare un percorso personalizzato per le consegne. Il nuovo drone di Ehang, il Falcon, è stato specificamente progettato per superare le complicate condizioni stradali e la congestione. L’avvio del drone americano Natilus vuole portare ancora più lontano le consegne senza personale. Recentemente ha completato i test per un prototipo di aereo senza pilota in grado di trasportare carichi a lunga distanza sul mare.

“Ci sono solo due modi per spedire le merci. C’è, naturalmente, il trasporto via mare, che è molto lento ma poco costoso, e naturalmente il trasporto aereo. Ci chiedevamo sempre se c’era una soluzione che è qualcosa nel mezzo”.

Il piano è quello di ridurre i costi del trasporto aereo di merci inventando un drone futuristico che sarebbe 17 volte più veloce di una nave da carico ma alla metà del prezzo di un Boeing 747. Il prototipo ha un’apertura alare di 30 piedi e pesa circa 2.200 libbre. Il primo prodotto è un cargo da 3,4 tonnellate, destinato alla fornitura di servizi espresso con aziende come FedEx e UPS e altre aziende in tutto il mondo. E il primo volo è previsto tra due anni.

L’aeroporto di Francoforte e il costruttore di droni Volocopter stanno esplorando il potenziale per un servizio di trasporto aereo-taxi elettrico che non richiede un pilota. Lo stesso veicolo è già stato utilizzato per volare sopra la Marina Bay di Singapore nell’ottobre di quest’anno. Quel viaggio è stato pilotato, ma l’obiettivo è la piena autonomia. Airbus e Boeing hanno anche i propri progetti di “taxi volante”, che alla fine farebbero a meno di un pilota di bordo.

Gli aerei urbani autonomi potrebbero diventare un’industria da 1.500 miliardi di dollari entro il 2040. Ciò include tutto, dai droni di consegna, ai taxi volanti, ai veicoli aerei militari senza pilota e ai droni da lavoro industriale. Gli analisti non vedono la tecnologia come una barriera, notando che la capacità della batteria, la potenza di calcolo e l’aumento della tecnologia 5G sono tutti in rapida convergenza. Ma se la tecnologia non è il problema, allora cosa fermerà i droni che affollano i cieli? Cosa può impedire che si schiantino l’uno contro l’altro e cadano a terra?

Questo è un sistema di gestione del traffico UAV. Ciò che fa questa tecnologia è identificare i droni nel cielo, aiutando ad evitare collisioni con altri velivoli, come aerei, elicotteri o altri droni.

“Il nostro obiettivo è quello di aiutare ogni drone che vola a trasmettere la propria posizione in modo che un altro aviatore possa ricevere tali informazioni e prendere una decisione. In futuro, la tecnologia sarà abbastanza intelligente dove i droni possano parlare con i droni, i droni possano parlare con gli aerei automaticamente, e possano evitare automaticamente altri corpi in volo”.

Il sistema è stato progettato per funzionare in tandem con una telecamera montata su un radar in grado di individuare i droni che si dirigono verso un’area ristretta.

“Quindi, la telecamera si è integrata con il radar del drone per seguire questa cosa mentre viene ripresa. È un uccello? È un aereo? Che cos’è? Ok, è un drone, fantastico. Ora è un drone che conosciamo, o è un elemento canaglia su cui dobbiamo intraprendere un’azione diversa”?

Secondo una stima, ci saranno più di 76.000 droni che opereranno nei cieli del Regno Unito entro il 2030. La maggior parte sarà impiegata per la difesa, la salute e l’istruzione nel settore pubblico e nelle aziende agricole, minerarie ed energetiche nel settore privato. Ma come per le altre tecnologie dirompenti, la politica pubblica deve spesso mettersi in pari. La sicurezza rimane la principale preoccupazione delle autorità di regolamentazione. Gli analisti dicono che le attuali restrizioni della Federal Aviation Authority degli Stati Uniti sono state un ostacolo allo sviluppo commerciale del settore. Essi sostengono che per sbloccare il potenziale della tecnologia, i droni dovrebbero essere autorizzati a volare oltre i 400 piedi, essere autorizzati a volare fuori dalla linea di vista del pilota e ricevere la capacità di auto-pilota e volare sulle aree popolate.

I droni sono con noi da diversi anni e la loro crescita sembra destinata a salire. I benefici dovrebbero includere un aumento della produttività, della sicurezza e persino di nuovi posti di lavoro nell’economia. Ma come volano, dove volano e per cosa vengono utilizzati sono tutte sfide da risolvere.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi