Troppo imbarazzato per chiederlo: cos’è il valore contabile? | MoneyWeek

Un modo popolare per valutare un’azienda è quello di utilizzare il rapporto prezzo/valore contabile (o di libro), che confronta il prezzo delle azioni di un’azienda con il suo valore contabile. Ma cos’è il valore contabile?

**************

Volete sapere quale sia il valore contabile, ma siete troppo imbarazzati per chiederlo…

Ci sono molti modi per stimare il valore di un’azienda. Un rapporto, che è popolare tra gli investitori di valore in particolare, è il rapporto prezzo/valore contabile, che confronta il prezzo delle azioni di una società con il suo valore contabile.

Che cos’è il valore contabile? Molto semplicemente, è il valore totale delle attività di un’azienda dopo che si sono sottratte tutte le sue passività. Lo si può trovare nella sezione del bilancio di un’impresa. È noto anche come patrimonio netto, o valore patrimoniale netto.

Le attività sono di due tipi principali. Le attività materiali comprendono terreni, macchinari, denaro contante – tutto ciò che si può “toccare” (compresi i contanti in banca, e altre attività finanziarie come le azioni). Le attività immateriali includono il valore di un marchio, o diritti di proprietà intellettuale – beni che non si possono toccare, ma che hanno sicuramente un valore.

Le attività immateriali sono più difficili da valutare rispetto alle attività materiali. È molto più facile sapere quanto vale oggi una flotta di veicoli piuttosto che dare un valore preciso a un marchio in un determinato momento. Inoltre, molti dei costi che creano valore immateriale – come le spese di ricerca e sviluppo – non finiscono mai in bilancio per effetto di convenzioni contabili.

Eppure per molte aziende (le scorte di tecnologia sono un esempio ovvio, ma le aziende di beni di consumo sono un altro) il valore dei beni intangibili può essere molto più alto di quello dei beni fisici che possiedono. Di conseguenza, il valore contabile è probabilmente più utile per la valutazione di aziende con molti beni materiali, come i costruttori di case o le banche.

Se si divide il prezzo delle azioni per il valore contabile per azione, questo può dare un’idea se l’azienda è economica o costosa. Un valore di prezzo a libro inferiore a 1 significa che, in teoria, si può acquistare l’azienda per un valore inferiore a quello dei suoi beni. In altre parole, se si hanno i mezzi per acquistare l’intera azienda, si può comprare, poi vendere immediatamente tutti i suoi beni, e comunque realizzare un profitto.

Naturalmente, ciò può anche implicare che gli investitori siano scettici sul valore reale della i beni della società.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi