Troppo imbarazzati per chiederlo: cos’è il contagio finanziario? | MoneyWeek

Vorrei sapere cos’è il contagio finanziario, ma sono troppo imbarazzato per chiederlo.

La maggior parte di noi probabilmente sa cosa significa “contagio” in senso biologico – in particolare dopo che il 2020 ce l’ha portato a casa in modo molto viscerale.

Ma è anche un termine che spunta nei mercati finanziari. E proprio come “contagio” quasi sempre significa cattive notizie nel mondo reale, è anche un termine che non si vuole sentire nelle notizie di mercato.

Le economie globali e i mercati finanziari sono probabilmente più interconnessi nell’era moderna, che in qualsiasi altro momento della storia.

Questo ha molti benefici. Ma questa interdipendenza significa anche che i problemi che scoppiano in un angolo del globo possono avere conseguenze inaspettate altrove.

Di conseguenza, una crisi finanziaria che all’inizio all’inizio sembra contenuta in un mercato o settore, può diffondersi, proprio come un virus, e potenzialmente travolgere mercati apparentemente non correlati altrove. In altre parole, c’è il rischio di “contagio”.

Come si diffonde generalmente il contagio?

Il debito è una delle principali fonti di contagio, e anche uno dei suoi principali vettori.

È semplice se ci si pensa a questo. Diciamo che un amico ti deve 100 sterline. Hai bisogno di riaverle indietro in modo che tu possa andare al pub quella sera. Ma quando vai a riscuotere, si scopre che li ha usati per scommettere su una criptovaluta e ora non ha soldi.

Di conseguenza, non puoi andare al pub e il padrone di casa non riceve le tue 100 sterline. Questo è il contagio.

Per fare un esempio del mondo reale, la crisi finanziaria del 2008 si è diffusa a livello globale perché la proprietà del debito legato ai mutui americani era molto più molto più diffusa di quanto la maggior parte degli investitori si fosse resa conto.

Quando i prezzi delle case negli Stati Uniti sono scesi e quel debito è crollato in valore, ha causato il panico quando gli investitori hanno venduto indiscriminatamente, non sapendo di chi potersi fidare.

Ma mentre il calo dei prezzi delle case negli Stati Uniti può essere stato il fattore scatenante della crisi, il vero problema era che le istituzioni finanziarie in generale avevano un eccesso di leva finanziaria. In altre parole, avevano preso in prestito troppo denaro, quindi è bastato un piccolo calo del valore delle attività che possedevano per renderle insolventi.

Questo ha poi alimentato una crisi più ampia, perché le banche in bancarotta hanno venduto attività e smesso di prestare denaro a chiunque altro, il che a sua volta ha causato sofferenza nell’economia in generale.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi