Cosa significano i “rendimenti negativi” per l’economia | WSJ

I rendimenti negativi si verificano con maggiore frequenza sui mercati obbligazionari globali. Che cosa genera rendimenti negativi, e perché gli investitori continuano ad acquistare queste obbligazioni con perdita di denaro?

Questo grafico mostra il rendimento delle obbligazioni trentennali del governo tedesco negli ultimi mesi. Noterete che all’inizio di agosto è successo qualcosa di insolito. Il rendimento è sceso sotto lo zero. Un rendimento è quanto gli investitori vengono remunerati su un’obbligazione. Un rendimento negativo è l’opposto, il che significa che gli investitori ricevono meno denaro di quanto originariamente pagato. I rendimenti negativi sono una caratteristica relativamente nuova nei mercati obbligazionari mondiali, ma appaiono sempre più frequentemente. A livello globale, circa 16 trilioni di dollari di obbligazioni hanno attualmente un rendimento negativo.

Le obbligazioni sono uno degli investimenti più sicuri sul mercato. Sono i pilastri di molti portafogli di investimento, dai fondi pensione agli accantonamenti per la pensione. Agli investitori piacciono per i loro rendimenti affidabili. Come sono diventati negativi alcuni rendimenti obbligazionari? E perché gli investitori dovrebbero continuare a mettere il loro denaro in attività con rendimenti negativi?

Per capire i rendimenti negativi, è necessario capire come funzionano le obbligazioni. Le obbligazioni sono una forma di debito che i governi e le aziende emettono per diversi periodi di tempo. La durata di vita di un’obbligazione può variare da poche settimane a qualche decennio. Gli emittenti di obbligazioni effettuano regolari pagamenti di interessi ai detentori di obbligazioni per tutta la durata di vita dell’attività. Questo è noto come tasso cedolare. Ma le obbligazioni sono spesso acquistate e vendute sul mercato secondario. I loro prezzi fluttuano, il che influenza ciò che un investitore può aspettarsi di guadagnare.

Il rendimento è un calcolo di quanto un investitore può aspettarsi di guadagnare tenendo su un’obbligazione acquistata ad un determinato prezzo per un determinato periodo di tempo. Il rendimento di un’obbligazione è inversamente proporzionale al suo prezzo. La forte domanda sul mercato obbligazionario fa salire i prezzi e abbassa i rendimenti. Questo è in gran parte il motivo per cui i rendimenti sono negativi. Attualmente il mercato obbligazionario è caratterizzato da una domanda insolitamente elevata. Ci sono alcune ragioni per questo. La prima è che gli investitori sono sempre più preoccupati per la mancanza di crescita dell’economia globale. Tra bassa inflazione, incertezza politica e controversie commerciali, gli investitori investono di più in attività più sicure, come le obbligazioni. La seconda è che diverse banche centrali in tutto il mondo hanno fissato i loro tassi di interesse al di sotto dello zero.

Le banche centrali sono banche per le banche commerciali. Così, quando fissano tassi di interesse negativi, le banche commerciali devono pagare per il privilegio di detenere il loro denaro. Questo incentiva le banche commerciali ad abbassare i tassi di interesse che applicano. Finora, le banche commerciali sono state riluttanti a passare quel tasso negativo ai consumatori medi, ma alcune hanno trasferito il costo alle aziende e ai grandi investitori istituzionali. I tassi negativi danno agli investitori un incentivo ad acquistare obbligazioni piuttosto che a parcheggiare i loro soldi in banca. Questo stimola la domanda. Questi fattori hanno spinto i prezzi delle obbligazioni verso l’alto e spinto verso il basso i rendimenti, tanto che si trovano ora in territorio negativo e, in alcuni casi, anche al di sotto dei tassi negativi fissati dalle banche centrali. Perché allora gli investitori dovrebbero continuare ad acquistare obbligazioni con rendimenti negativi?

Ebbene, se la domanda continua a crescere, acquistare ora significa potenzialmente vendere le obbligazioni in un secondo momento a un prezzo più alto. Questo può aiutare a compensare le perdite a breve termine, ma le implicazioni a lungo termine dei rendimenti negativi potrebbero significare rendimenti inferiori sui conti pensionistici, il che significa che i lavoratori potrebbero dover risparmiare di più e lavorare più a lungo. I rendimenti obbligazionari negativi, e i tassi di interesse negativi in generale, sono visti come un rimedio a breve termine per far muovere le economie. Ma con l’impronta dei tassi negativi che si amplia sempre più in profondità, gli investitori temono che possano essere meno un’obbligo temporaneo e più una caratteristica permanente del mercato.

Altri post che potrebbero interessarti

Utilizzando il sito o continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi